Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
Grotta 1
Grotte 2 e 3
Grotte 4 e 5
Grotta 6
Grotta 7

Monte Pellegrino – Grotte della Montagnola

La località contiene diverse grotte (almeno 7) e tracce di una necropoli preistorica. Nella zona sono state trovata anche ceramica romana e punica. 

” Le cavità esplorate furono sette, da nord verso sud: 
1- Grotticina di nessun interesse;
2- Fessura contenente pochi frammenti fittili fra i quali un’ansa a maniglia ascrivibile all’antico Bronzo (2000-1450 a.C.);
3- E’ la grotta della quale abbiamo parlato [4, 5, 6];
4- Grotta con ampio ingresso: larghezza m 5 circa, altezza m 4. E’ la cavità di maggiore sviluppo (m 22,50) spezzettato in tre sezioni. Nel tratto iniziale, pochi centimetri sotto una sabbia eolica, si rinvennero, dispersi, una trentina di frammenti fittili appartenenti a diverse forme databili tra l’Eneolitico finale ed il bronzo medio. Si raccolsero pure due tizzoni il cui legno era bucherellato da tarme ed una costola forse bovina. Si può definire preziosa una lama in
bronzo con costolatura longitudinale in ottimo stato di conservazione. La dispersione dei frammenti fa ipotizzare una manomissione in antico: la superficie della sabbia mostrava difatti solo chiare impronte di volatili;
5- Grotta con ampio ingresso con antistante muretto e diverse piccole stalattiti e colonnine: larghezza m 8, altezza m 2, sviluppo m 10. In quattro punti sono stati raccolti una trentina di frammenti fittili. Anche in
questa grotta si è verificata una profanazione addirittura ripetuta in antico, il che fa molto ricredere sulle capacità acrobatiche di chi ci ha preceduti. Degno di nota è un largo frammento del fondo di una grande anfora decorata con un motivo geometrico, con fasce lisce alternate a fasce di tremoli, dipinto in nero su fondo rosso della terracotta, nello stile di Sarraferlicchio (2800-2600 a.C.). La maggior parte dei frammenti sono classificabili alla media età del Bronzo, nello stile di Thapsos-Milazzese (1450-1250 a.C.). Ancora da sottolineare, inaspettati, un fondo corrugato di un’anfora punica del III sec. a.C. [8, 9] ed un frammento di tegola di dubbio inquadramento, che definisco “postmedievale”;
6, 7- In queste grotte non s’è vista traccia di precedenti frequentazioni.”

 (Fonte testo: Giovanni Mannino: La necropoli rupestre della montagnola in Incontri Anno I n.1 OTT/DIC 2012

 

Documenti di approfondimento: Giovanni Mannino: Monte Pellegrino nella Preistoria – Nuovi dati: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 24/2017

scarica il documento: G_Mannino_Le_Grotte_di_Monte_Gallo_Notiz

Giovanni Mannino: La necropoli rupestre della montagnola in Incontri Anno I n.1 OTT/DIC 2012

scarica il documento: Incontri-1-Mannino

COMUNICATO: Bene catalogato ma non geolocalizzato. Vi invitiamo a fornire il vostro contributo fornendoci informazioni utili  che ci permettano di geolocalizzare il bene catalogato. Si veda anche “Patrimonio Culturale da Geolocalizzare

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Contributi informativi: Ignazio Caloggero Web

Foto: Giovanni Mannino: Monte Pellegrino nella Preistoria – Nuovi dati: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 24/2017

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi“ o direttamente su questa scheda inserendo una vostra recensione i commenti

Nota esclusione responsabilità

 

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione
[contact-form-7 id="18385"]