Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
44-36 Via Pietro Bonanno

Monte Pellegrino – Grotta del Condannato (Grotta dell’Eremita)

Grotta del Condannato “Ha tal nome perché vi si rifugiò un evaso dal Bagno Penale dell’Arenella e quivi ritrovato fu ucciso” (DE GREGORIO 1927)

“L’ingresso ha forma semiellittica: base m 8, altezza m 4; si apre sulla destra della Scala Vecchia. La cavità si sviluppa rettilinea lungo un unico ambiente, rastremandosi verso il fondo, con due brevi appendici, la maggiore
sulla destra nella parte iniziale, l’altra a sinistra nella parte terminale, l’unico punto in cui insistono tracce di deposito sconvolto. La grotta mostra segni di pesanti manomissioni. Il passaggio tra l’ingresso e l‘ambiente interno, che
ordinariamente doveva essere una strozzatura malamente praticabile, è stato ampliato facendo uso di mine e di cunei dei quali si osservano gli incavi. Sono opere attribuite agli operai impiegati alla costruzione della “scala nuova”
e della funicolare, per farne un dormitorio. 
Tracce di “terra rossa”, concrezionata nel pavimento all’altezza dell’ingresso, proseguono all’esterno lungo il pendio di accesso alla grotta, dove si aggiungono a ossa di ippopotamo, e dimostrano il totale svuotamento del deposito antropico. All’ingresso, sulla parete sinistra ad altezza d’uomo, si osservano alcune incisioni lineari probabilmente mesolitiche e tracce di colorazione nerastra, forse d’iscrizioni, puniche (?), eseguite in tempi diversi. Un gruppo di linee, insieme a un graffito, si trovano in una nicchia nella falesia, ad alcuni metri dal piano di campagna, tra la Scala Vecchia e la grotta. (Fonte testo: Giovanni Mannino: Monte Pellegrino nella Preistoria – Nuovi dati: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 24/2017

 

Documenti di approfondimento: Giovanni Mannino: Monte Pellegrino nella Preistoria – Nuovi dati: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 24/2017

scarica il documento: G_Mannino_Le_Grotte_di_Monte_Gallo_Notiz

Giovanni Mannino:

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Contributi informativi: Ignazio Caloggero Web

Foto: Giovanni Mannino: Monte Pellegrino nella Preistoria – Nuovi dati: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 24/2017 

COMUNICATO: Bene catalogato ma non geolocalizzato. Vi invitiamo a fornire il vostro contributo fornendoci informazioni utili  che ci permettano di geolocalizzare il bene catalogato. Si veda anche “Patrimonio Culturale da Geolocalizzare

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

 

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Share This Post
    Share