Tu sei qui: Home » Il Piano della Qualità Turistica

Share This Post

Il Piano della Qualità Turistica

Il Piano della Qualità Turistica 

di Ignazio Caloggero

Nell’articolo precedente in relazione alla Identificazione iniziale degli elementi in gioco (Entità e Parti Interessate), abbiamo visto come individuare le Entità  che in un contesto di Turismo di Qualità devono soddisfare i bisogni o confermare le aspettative e i bisogni di quelli che abbiamo chiamato “parti interessate” alla Qualità Turistica. In questo articolo focalizzeremo le nostre attenzione su chi sono le parti interessati. Questa parte non è da sottovalutare, infatti ogni elemento individuato in questa fase si tradurrà in specifici fattori ed indicatori della qualità della fruizione turistica da tenere in considerazione in quanto potranno impattare sulla qualità

Vediamo un elenco esemplificativo e non esaustivo delle parti interessate cioè chi esprime i bisogni o ha delle aspettative nei confronti delle entità individuate

1.2 Identificazione delle parti interessate

  • Turisti 
  • Gestori di strutture della filiera turistica e lavoratori
  • Abitanti
  • Società Futura (noi saremo ciò che essi troveranno)

Turisti

Può essere utile individuare la tipologia dei turisti e quindi delle specifiche aspettative, attraverso lo studio delle diverse forme di turismo.

Il Piano della Qualità Turistica

Di seguito un elenco esemplificativo e non esaustivo di tipologie di turismo:

  • Culturale
    • Religioso
    • Enogatronomico
    • Indotto dalla cultura e da eventi storici o mitologici (vedi luoghi cinematografici e televisivi, luogi letterari, luoghi dei miti, ecc ) 
    • Scolastico
  • Naturalistico
  • Sportivo (Es. Campi di Golf)
  • Congressuale 
  • Balneare
  • Termale e del Benessere
  • Accessibile

Qualche approfondimento su alcune delle tipologie di turismo citate

Turismo culturale

Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), agenzia delle Nazioni Unite “[il turismo culturale] rappresenta tutti quei movimenti di persone motivati da scopi culturali come le vacanze studio, la partecipazione a spettacoli dal vivo, festival, eventi culturali, le visite a siti archeologici e monumenti, i pellegrinaggi. Il turismo culturale riguarda anche il piacere di immergersi nello stile di vita locale e in tutto ciò che ne costituisce l’identità e il carattere” . L’italia, ed in particolare la Sicilia ha tutti gli elementi necessari per puntare sul Turismo Culturale, non esiste località siciliana di rilievo  che non sia ricca di beni storico artistici, feste, tradizioni, prodotti enogastronomici ed eventi culturali che sono alla base del turismo culturale. In alcuni casi è necessario puntare anche a particolarità territoriali legati ad eventi storici, luoghi legati a miti e leggende, luoghi legati a personalità storiche o della cultura, luoghi dell’archeologia industriale, e luoghi legati ai racconti letterari, cinematografici e televisivi. 

camilleri

 

Turismo Naturalistico

Nei luoghi montani o comunque dove è possibile avere un contatto diretto con la natura è opportuno puntare su tale forma di turismo. La Sicilia è ricca di parchi, riserve, aree naturali protette, oltre a 2 siti UNESCO naturalistici (Etna e Isole Eolie) 

etnaParco Fluviale dell'Alcantara

 Turismo balneare

Negli ultimi anni il turismo Balneare ha assunto una importanza crescente, limitata spesso dalla attività ricettiva non adeguata e legata essenzialmente alla sola stagione estiva. Laddove esistono spiagge e strutture di supporto è sicuramente una delle tipologie di turismo su cui puntare 

dsc00521c

Turismo accessibile

Nel primo Libro Bianco sul Turismo Accessibile in Italia realizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione col Comitato per la Promozione e il Sostegno del Turismo Accessibile (2013), Il “turismo accessibile” viene definito come: [l’insieme di servizi e strutture che consentono a “clienti con bisogni speciali” di fruire della vacanza e del tempo libero in modo appagante, senza ostacoli né difficoltà, e quindi in condizioni di autonomia, sicurezza, comfort.] Sul turismo accessibile abbiamo ampiamente discusso in un articolo precedente: Qualità e Turismo Accessibile a cui si rimanda per i dettagli.  

rtemagicc_infografica_turismo_it_02-jpg

Gestori di strutture della filiera turistica e lavoratori

Come si può vedere i Gestori di strutture della filiera turistica e lavoratori si trovano in una doppia veste come gestori di alcune delle entità a cui va applicato il concetto di qualità ma allo stesso tempo come parti interessate che hanno delle loro aspettative e bisogni (ad esempio in merito alle infrastrutture, alle norme stabilite dagli enti gestori del Patrimonio Culturale, alle politiche fiscali, alle scelte sulla gestione del territorio, ecc)

Abitanti

Anche gli abitanti hanno delle aspettative (aspettative di benessere, aspettative di un turismo sostenibile, ecc) inoltre possono essere loro stessi fruitori del Patrimonio Turistico del proprio territorio.

 

Ignazio Caloggero

Tratto da: “Qualità, Turismo e Gestione del Patrimonio Culturale” di Ignazio Caloggero

Il Piano della Qualità Turistica 

Il Piano della Qualità Turistica

Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>