Nfasciatieddi di Troina
Street View (se presente)
Descrizione

Nfasciatieddi di Troina

nfasciateddi-troina

 

Prodotto inserito nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT)

Tipologia PAT : Paste fresche  e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria

Area di Produzione

Scheda tecnica del prodotto agroalimentare tradizionale (P.A.T)

Territorio interessato alla produzione: Troina.

Descrizione sintetica del prodotto: E’ un dolce da forno della pezzatura di 40-50 grammi, composto da un impasto di farina con vino cotto di ficodindia (succo concentrato), zucchero, farina, bucce di arance e limoni grattugiati e un po’ di cannella, il quale viene prima infornato e poi imbevuto a caldo con succo concentrato di ficodindia e cosparso di frutta secca tritata.

Descrizione delle metodiche di lavorazione e stagionatura: La farina viene setacciata e mescolata con zucchero, lievito di pane sciolto in acqua tiepida, e strutto, fino a ottenere una pasta molle.

Il composto di farcitura si ottiene portando ad ebollizione il vino cotto mescolato ad acqua, zucchero, sostanze aromatiche (bucce grattugiate e cannelle), e aggiungendo delle piccole quantità di farina fino a quando si otterrà un composto della giusta morbidezza. Dalla pasta si ricavano delle sfoglie di circa mezzo cm., sulle quali va posta la farcitura; la sfoglia già farcita viene chiusa congiungendone i margini, e al prodotto così ottenuto si fa assumere manualmente la forma voluta, che in genere è quella dritta con tagli obliqui. A questo punto si pone il tutto a lievitare per alcune ore. A fine lievitazione le paste sono disposte in una teglia e infornate a 250°C per una decina di minuti. Da fredde vanno intinte nel vino cotto di ficodindia portato in un tegame a ebollizione; disposte su un piatto da portata vanno infine cosparse di frutta secca  tritata mista a zucchero e cannella, e dello stesso mosto di ficodindia nel quale erano state intinte.

Materiali e attrezzature specifiche utilizzate per la preparazione e il condizionamento: Per la pasta: 1 Kg. di farina, 250 gr. di zucchero, 250 gr. di lievito di pane e 250 gr. di strutto, un po’ di acqua.

Per il composto di farcitura: 500 gr. di vino cotto, ½ litro di acqua, 1 buccia di arancia e 1 di limone grattugiate, un po’ di farina e un po’ di cannella. Per l’intingolo: frutta secca tritata (composta da mandorle, pistacchi, nocciole e noci abbrustolite), succo concentrato di ficodindia, un po’ di cannella.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura: Si produce nei panifici e nelle pasticcerie di Troina, e in campagna ove il processo di produzione ricalca gli antichi schemi, compresa la cottura nel forno a legna.

Elementi che comprovino che le metodologie siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni: Si parla di tale prodotto in dei manoscritti del 1869 e 1912, dove il personale di cucina delle suore Benedettine di Clausura di Troina, espone e descrive i piatti e il processo per ottenere i prodotti della cucina tradizionale troinese.

Fonte Schede Pat: Regione Sicilia 

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Contributi informativi:  Web, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Clicca per vedere su Google Maps
Dai una valutazione (da 1 a 5)
3.254
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Share