La Rocca di lu pizziddu
Street View (se presente)
Street View è disponibile solo con Google Maps.
Descrizione

La Rocca di lu pizziddu

Progetto: Atlante del Patrimonio Culturale Immateriale di Sicilia

Scheda inizializzata ai fini della catalogazione iniziale. 

In fase di analisi per una prima stesura che avverrà prossimamente

 

DA

 

 

FIABE NOVELLE E RACCONTI POPOLARI SICILIANI VOL. IV Di Giuseppe Pitrè. In Biblioteca delle tradizioni popolari  Siciliane vol VII.

CCXXXIII – La Rocca di lu pizziddu

Vicinu Cammarata cc’è la rocca di lu Pizziddu, ca è a
forma di muntagna ca cci sunnu ficudinia e fastuchi210
.
Chissa è ‘na muntagna ricca: cci sunnu trisori, tantu è
veru ca ‘na vota vinni un Griecu di Livanti, ca cu sta sintura211 di sti trisori li vulía pigliari. Si fici amicu d’un
cammaratisi, e cci dissi: – «Nn’ha’ curaggiu ca ti fazzu
arricchiri?» – «Sì.» – «Camina cu mia.» Jeru a lu Pizziddu, piglià’ un librazzu e ‘na cannila nìura212, cumincià’
a lejiri, s’aprì’ ddu pitruni e truvà’ ddu trisoru. Si pigliaru
stu dinaru e si nni jeru a la casa. Lu magàru cci dissi a lu
cammaratisi: – «Nun cci turnari sulu sa’! masannò cci
appizzi la vita.» Lu cammaratisi cci gustaru li picciuli e
cci turnau, cuglíu la squagliumi di la cannila213, e fici ‘na
piccilidda cannila214, dissi ddi palori di lu Mau, e s’apríu
la petra di lu Pizziddu. La viddanu ‘ncuntenti215, nun taliava ca la cannila jia scunchiennu216; comu s’avía purtatu du’ sacchi ranni, avanti chi l’inchíu, la cannila s’astu

tau. La petra si chiuiju, e ristau ddà jintra. Nun putennu
cchiù nèsciri, di la rabbia si rusicau ‘na tappina217
.
Ora pi putiri pigliari stu trisoru di lu Pizziddu cci voli
ca un cavaddu a tutta cursa caminassi grina grigna di la
rocca sina a la punta218; e allura lu ‘ncatisimu si livassi, e
fussimu tutti ricchi. Stu cavaddu ‘un s’ha pututu truvari,
e semu tutti minnuni219
.
Cammarata220
.

210 Ca cci sunnu ecc. e vi sono (vi crescono) fichi d’India e pistacchi. (Ficus
Opuntia e Pistacium di Linn.)
211 Con questo sentore (del tesoro incantato).
212 Prese un librone (di magia) e una candela nera.
213 Raccolse quel che era squagliato e sgocciolato dalla candela di cera
nera.
214 E fece una piccola candela.
215 Il villano incantato, non contento.
216 Vedeva che la candela andava venendo meno squagliando.

217 Si rose una pianella.
218 Ci vuole che un cavallo a tutta corsa monti sulla cresta della rocca sino
alla punta della rocca stessa.
219 E siamo tutti minchioni.
220 Raccontato da Pietro La Piana.

 

Si veda anche Lu Pizzareddu in USI E COSTUMI CREDENZE E PREGIUDIZI DEL POPOLO SICILIANO VOL IV.  Di Giuseppe Pitrè. In Biblioteca delle tradizioni popolari  Siciliane vol XVII.  – CCXXXVIII (Capaci)

29 –  La Rocca del Pezzillo

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: 

Contributi informativi: Ignazio Caloggero

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione
[contact-form-7 id="18385"]
Share