Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
Contrada San Leonardo

Ipogeo Giacatello

Si può raggiungere l’ipogeo Giacatello da un viottolo che si apre a lato della Srada Statale a nord  del parcheggio del Museo di San Nicola. L’ipogeo è costituito da un vasto ambiente quadrangolare (20×20 m circa) con un altezza di poco superiore ai 2 metri e puntellato da 49 pilastri disposti su più file.  Il tetto presenta dodici aperture quasi tutti comunicanti con l’esterno, con la funzione di pozzi per il prelievo  dell’acqua. Al suo interno confluisce, da Nord Ovest, un acquedotto, mentre dall’angolo di Sud-Est si diparte un cunicolo tortuoso, che sfocia nel vicino torrente di S. Leone. Originariamente era una cisterna appartenente alla complessa rete di acquedotti di Akragas che, secondo la tradizione, fu progettata dall’architetto Feace e realizzata con la mano d’opera dei prigionieri Cartaginesi sconfitti a Himera nel 480 a.C.  La struttura fu trasformata in deposito di grano in epoca romana.

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: Google

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Web 

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Share