Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Fondali delle Isole Pelagie (ITA040014)

Tipologia sito:  ZSC – Zona Speciale di Conservazione

Codice: ITA040014 – Ettari: 4085

Descrizione: 

4.2 Quality and importance
Le Pelagie presentano una vegetazione marina simile a quella presente nel settore centro-orientale del bacino del Mediterraneo.La fauna ha una
caratterizzazione nettamente meridionale ben diversificata e ricca di elementi biogeografici notevoli, provenienti sia dai distretti orientali che occidentali.
Un’elemento che gioca un ruolo importante nell’intenso idrodinamismo a cui sono soggette le acque di questa Regione è il moto ondoso originato dai forti venti
dominanti del III e IV quadrante i quali favoriscono la risalita delle acque profonde anche sottocosta richiamate dal riscaldamento delle acque superficiali da parte
dei venti meridionali.La vegetazione sommersa dell’Isola di Lampedusa e di Lampione è caratterizzata da raggruppamenti influenzati nella loro composizione
dalla natura del substrato (calcari friabili), dalla sua conformazione e dall’esposizione. Su substrato roccioso, la vegetazione appare originale per la presenza di
specie guida vicarianti e semplificata per la prevalenza di specie a larga valenza ecologica, non presentando la tipica zonazione del Mediterraneo. A Linosa, isola
vulcanica di origine quaternaria i popolamenti a Cystoseira tipici del Mediterraneo (Cystoseiretum strictae, C. crinitae, C. sauvageauanae, C. spinosae) riscontrati
fino agli anni 70 (Cinelli et al. 1976b) sembrano in regressione e parzialmente sostituiti da popolamenti ben strutturati a più larga valenza ecologica. Questa
tendenza riscontrata anche in altre aree delle coste italiane, non sembra essere legata a fattori antropici, ma piuttosto ai generali cambiamenti climatici (Serio et
al. 2006) Le biocenosi climax dell’infralitorale sono particolarmente importanti e ben rappresentate: la Biocenosi delle Praterie a Posidonia oceanica e la
Biocenosi del Coralligeno, quest’ultima in particolare è presente a Linosa.Lungo il versante meridionale dell’isola di Lampedusa il limite superiore della Prateria di
Posidonia si colloca intorno a -3, -4 m e in molte località arriva sin quasi alla superficie, sia in formazione compatta che in matte isolate. Nel versante
settentrionale è invece presente al di sotto di -12, -15 m Nell’isola di Linosa il limite superiore è generalmente molto profondo (-20, -30 m), con l’unica eccezione
di Pozzolana di Levante dove la “matte” di Posidonia è riscontrabile ad una profondità minima di -8, -10 m lungo canaloni sabbiosi perpendicolari alla linea di
costa. Elementi ad elevato pregio naturalistico sono le grotte sommerse e semisommerse che caratterizzano in particolare Lampedusa e Lampione. Le prime
ospitano le comunità del circalitorale in enclave ridotte spazialmente a causa della conformazione delle stesse grotte (gallerie, grotte con aperture/sifoni lungo le
volte) che permette la penetrazione di luce; le seconde presentano nella frangia infralitorale facies ad Astroides calycularis e biocostruzioni vegetali, facies a
Corallina elongata, e animali, “trottoir” a vermeti: quest’ultime si trovano spesso in molte aree del perimetro costiero costituite dal mollusco Dendropoma
paetreum.Altro elemento caratteristico dell’area è dato dalla presenza di due importanti siti di ovodeposizione della tartaruga marina Caretta caretta, specie
protetta ed inclusa nella lista rossa dell’ IUCN; questi siti sono rappresentati dalla Spiaggia dei Conigli a Lampedusa e dalla Pozzolana di ponente a Linosa. Nel
periodo estivo le femmine risalgono le spiagge sabbiose durante la notte per deporre le uova che rimarranno “custodite” sotto la sabbia per 45-60 giorni prima
della schiusa.Si stima che la popolazione di Tursiops truncatus a Lampedusa consista circa 100 individui e che questa sia da considerare ad alto grado di
“fedeltà al sito”; le acque di Lampedusa rappresentano parte dell’home range di molti individui della popolazione che probabilmente ha una distribuzione più
ampia che comprende tutto l’Arcipelago delle Pelagie. Altri mammiferi marini legati al sito stagionalmente sono la balenottera comune Balaenoptera physalus , il
delfino comune Delphinus delphis e la Stenella Stenella coeruleoalba.Le isole Pelagie rappresentano inoltre un’area di nursery della ricciola, Seriola dumerili, che
costituisce un’importante risorsa per la marineria locale, e un sito di concentrazione stagionale di altre specie minori di grandi pelagici quali l’alletterato Euthynnus
alletteratus.
4.3 Threats, pressures and activities with impacts on the site
4.4 Ownership (optional)
4.5 Documentation
Accardo Palumbo M.T., Chemello R., Russo G.F., 1992- Malacofauna di strato foliare di una prateria di Posidonia oceanica dell’Isola di Lampedusa (Canale di
Sicilia). Oebalia, XVII,: 315-319.Albertelli G., Chiantore M., Drago N. 1995- Macrobenthic assemblages in Pelagie Islands and Pantelleria (Ionian Sea,
Mediterranean). Oebalia, XXI: 115-124.Aleffi M., Cortini Pedrotti C., Gafta D., 2003 – Patrons bryogeographyques dans les petites iles autour de la Peninsule
italienne, de Sicile et Sardaigne. Bocconea, 16[1]: 93-103.Alongi G., Catra M.,1999 [1998] – La flora sommersa dell’isolotto di Lampione (Isole Pelagie). Boll. Acc.
Gioenia Sci. Nat. Catania, 31[354]: 89-100.Alongi G., Dinaro R., Furnari G., Giaccone G., Scammacca B., Serio D., 1993 – Osservazioni preliminari sulla
vegetazione marina dell’Isola di Lampedusa (Isole Pelagie). Biol. Mar. Medit., 1: 285-286.Alvisi M., Colantoni P. (1994) – Principali aree di interesse speleomarino
lungo le coste italiane. Istituto Italiano di Speleologia, Mem. 6, S. II: 9-13.Arcangeli A., Caltavuturo G., Marini L., Salvati E., Tringali M., Valentini T., Villetti G. ,
2001 – Avvistamenti invernali di cetacei nel Canale di Sicilia. -Natura – Soc. it. Sci. Nat.Museo Civ. Stor. Nat., Milano, 90[2]: 5-9.Azzurro E., Andaloro F., 2000 –
Osservazioni sul sistema di accoppiamento di Sparisoma cretense (Actinopterigi: Scaridae) nell’isola di Lampedusa. Biol. Mar. Medit., 7[1]: 782-785.Azzurro E.,
Andaloro F., Marino G.,2000 – Presenza della cernia di Haïfa, Epinephelus haifensis (Serranidae: Epinephelinae), nel Mediterraneo centrale. Biol. Mar. Medit., 7
[1]:786-789.Azzurro E., Andaloro F., 2004. A new settled population of the lessepsian migrant Siganus luridus (Pisces: Siganidae) in Linosa Island_Sicily Strait. J.
Mar. Biol. Ass. U.K, 84:819-821.Azzurro E., Pizzicori P. e Andaloro F., 2004. First record of Fistularia commersonii (Fistularidae) from the Central Mediterranean.
Cybium, 28 (1): 72-74.Azzurro E., Daniel Golani D., Bucciarelli G., Bernardi G., 2006 -Genetics of the early stages of invasion of the Lessepsian rabbitfish
Siganus luridus. Journal of Experimental Marine Biology and Ecology 333 190-201.Azzurro E., 2006. Cambiamento della diversità ittica in Mediterraneo: Casi di
studio. Tesi Dottorato di Ricerca in Biologia ed Ecologia Marina , Università Politecnica delle Marche.Azzurro E., Pais A., Consoli P. e Andaloro F., 2007.
Evaluating day-night changes in shallow Mediterranean rocky reef fish assemblages by visual census. Marine Biology 151 (6): 2245-2253.AZZURRO E., E.
FANELLI, E. MOSTARDA, M. CATRA, F. ANDALORO 2007-Resource partitioning among early colonizing Siganus luridus and two native herbivorous fishes at
Linosa Island (Sicily-Strait, central Mediterranean Sea). Evidence from gut-content analysis and stable isotope signatures. Journal of the Marine Biological
Association, 87: 991-998Barberi F., Borsi S., Ferrara G., Innocenti F.,1969) – Strontium isotopic composition of some recent basic volcanites of the Southern
Tyrrhenian Sea and Sicily Channel. Contrib. Mineral. Petrol., 23[2]: 157-172.Borsetti A.M., Colantoni P. , 1975- Seaward extensions of some North African and
Sicilian structures and sediments. Rapp. Comm. int. Mer Médit., 23[4a]: 105-106.Bottari T., Giordano D., Perdichizzi F., Rinelli P., 2002 – Osservazioni preliminari
sulla biologia di Scomber japonicus (Houttuyin, 1782) in due differenti aree mediterranee: basso Tirreno e Isola di Lampedusa. Biol. Mar. Medit., 9[1]: 736-739.
Bradai M.N., Nicolosi P., Casale P., Jribi I., Turchetto M., El Abed A., 2004- La presenza di tartarughe liuto nel Mediterraneo Centrale: Dati raccolti in Italia e
Tunisia Biol. Mar. Medit., 11[2]: 750-753.Buccheri, G., Renda, P., Morreale, C., Sorrentino, G., 1999. Il Tirreniano dell’isola di Lampedusa (Arcipelago Pelagiano,
Agrigento, Italia). Le successioni di cala Maluk e Cala Uccello. Bollettino Società Geologica Italiana 118, 361-373.Calanchi N., Colantoni P., Saitta M., Serri G.,
1989 – The Strait of Sicily continental rift systems: physiography and petrochemistry of the submarine volcanic centres. Marine Geology, 87: 55-83.Cannizzaro L.,
D’Andrea F., Norrito G., Pizzicori P., 1998 – Aspetti economici della pesca della Lampuga (Coryphaena hippurus Linnaeus, 1758) alle Pelagie. Biol. Mar. Medit., 5
[1]: 768-771.Cardinale C., Di Lorenzo S., Milazzo M., Chemello R. , 2003 – La distribuzione a media scala dei molluschi delle alghe fotofile: un caso di “costafilia
inversa”? Biol. Mar. Medit., 10[2]: 67-69.Castriota L., Greco S., Marino G., Andaloro F., 2002- First record of Seriola rivoliana Cuvier, 1833 in the Mediterranean.-
Journal of Fish Biology, 60: 486-488.Cattaneo-Vietti R., Chemello R., 1987 – Alcune considerazioni sui molluschi Opistobranchi della Sicilia. Bollettino
Malacologico, 23[5-8]: 207-222.Chemello R., Di Geronimo I., 1992- Primi dati sulla malacofauna marina bentonica delle Isole Pelagie (AG) nell’ambito degli studi
di fattibilità della riserva marina. Oebalia, XVII,: 479-484.Chemello R., 1993. Contributo alla cartografia biocenotica dei fondali delle Isole Pelagie e struttura del
popolamento a molluschi ai fini della costituzione della Riserva Marina. Tesi Dottorato di Ricerca in Scienze Ambientali: ambiente marino e risorse. Università di
Messina.Chemello R., Riggio S., 1995 – An essay of the use of the Habitat Evaluation Procedures in the planning of a marine reserve (Pelagian Islands, South
Mediterranean). Rapp. Comm. int. Mer Médit., 34: 24.Chemello R., Russo G.F., 1997 – The molluscan taxocoene of photophilic algae from the Island of
Lampedusa (Strait of Sicily, southern Mediterranean). Bollettino Malacologico, 33[5-8]: 95-104.Chemello R., Milazzo M., 2002 – Effect of algal architecture on
associated fauna: some evidence from phytal molluscs. Marine Biology, 140: 981-990.Chimenz Gusso C., Soule D.F., 2003 – First recognized occurrence of the
genus Plesiocleidochasma in the Mediterranean region (Bryozoa, Cheilostomatida) with Plesiocleidochasma mediterraneum, new species. Bollettino del Museo
Civico di Storia Naturale di Verona, 27: 71-76.Cinelli F., Drago D., Furnari G., Giaccone G., Scammacca B., Solazzi A., Sortino M. e Tolomio C., 1976a – Flora
marina dell’isola di Linosa (Arcipelago delle Pelagie). Mem. Biol. Marina e Oceanogr., N.S. 6 (5): 141- 172. Cinelli F., Feoli E., Furnari G., Giaccone G.,
Scammacca B., Solazzi A., Sortino M. e Tolomio C., 1976b – Zonazione della vegetazione di Linosa (Isole Pelagie): ordinamento e classificazione. Mem. Biol.
Marina e Oceanogr., N.S. 6 (6): 229-249.Colonna P., Drago D., Mannino A.M., Marra L., Suriano C., Giaccone G. , 1988 – Congruences phytogéographiques des
communautés bentiques des iles mineures de la Sicilie. Rapp. Comm. int. Mer Médit., 31[2]: 319.Consorzio Mediterraneo – Legambiente – Lega Pesca () –
“Programmi di prevenzione ed interventi di disinquinamento dei fondali delle Aree Marine Protette italiane e delle zone costiere dei Parchi Nazionali”. Progetto
finanziato Ministero Politiche Agricole e Forestali – Ministero Ambiente e Difesa del Territorio: 52 pp.Cormaci M., Furnari G., Serio D., 1994 – Two new species of
Laurencia (Ceramiales, Rhodophyta) from the Mediterranean sea: Laurencia pelagiensis sp. nov. and Laurencia verlaquei sp. nov. The Japanese Journal of
Phycology, 42: 365-375.Corti G., Cuffaro M., Innocenti F., Manetti P., 2005- Coexisting geodynamic processes in the Sicily Channel.- In: Y. Dilek & S. Pavlides
(Eds.), Post-collisional Tectonics and Magmatism in the Eastern Mediterranean Region. Geol. Soc. Am. Sp. Paper, in press:Cuttitta A., Patti B., Basilone G.,
Garcia A., Garcia Lafuente J., Quintanilla L., Carpena A., Carrasco A., Godoy L., Mazzola S., 2000 – Primi dati sulla deposizione di Engraulis encrasicolus nel
Canale di Sicilia. Biol. Mar. Medit., 7[1]: 865-867.De Girolamo M., Mazzoldi C., 1999- Struttura della comunità ittica di Lampedusa: le specie presenti. Bollettino
del Museo Civico di Storia Naturale di Venezia, : 317-323.De Girolamo M., Scaggiante M., Rasotto M. B., 1999.- Social organization and sexual pattern in the
Mediterranean parrotfish Sparisoma cretense (Teleostei: Scaridae). Marine Biology 135: 353-360.Di Geronimo R., Giaccone G., 1994- Le alghe calcaree del
detritico costiero di Lampedusa (Isole Pelagie). Boll. Acc. Gioenia Sci. Nat. Catania, 27[346]: 5-25.Di Geronimo R., 1996 – Morfotipi di Melobesie nel circalitorale
di Lampedusa (Isole Pelagie). S.IT.E., Atti, 17: 345-348.Di Natale A., Mangano A., Valastro M., 1998 – Osservazioni sulla pesca dei grandi scombroidei nei bacini
tirrenici e dello Stretto di Sicilia. Biol. Mar. Medit., 5[3]: 189-198.Di Natale A., Mangano A., Bascone M., Celona A., Navarra E., Valastro M., 2005 – Swordfish
(Xiphias gladius L.) Catch composition in the Tyrrhenian sea and in the Straits of Sicily in 2002 and 2003. Col. Vol. Sci. Pap. Iccat, 58[4]: 1511-1536.Di Palma M.
G., Lo Valvo F., Zava B., 1989 – Indagini sulla ovodeposizione di Caretta caretta (L. 1758) in Sicilia (Reptilia, Chelonia). Il Naturalista Siciliano, S. IV, XIII[1-2]: 53-
59.Falautano M., Castriota L., Campagnuolo S., Sinopoli M., Vivona P., 2002 – La pesca dell’alletterato (Euthynnus alletteratus, Rafinesque 1810) nell’Isola di

Lampedusa (Stretto di Sicilia). Biol. Mar. Medit., 9[1]: 751-753.Ferrari G., 2005. -Grotte marine a Lampedusa. -Congresso “Il carsismo nell’area mediterranea”,
Castro Marina (LE), 16-18 settembre 2005.Giaccone G., Scammacca B., Sartori G., Furnari G. , 1972 – Studio preliminare sulla tipologia della vegetazione
sommersa del Canale di Sicilia e isole vicine. Giornale Botanico Italiano, 106: 211-229.Giaccone G. & Bruni A., 1973) – Le Cistoseire e la vegetazione sommersa
del Mediterraneo. Atti Ist. Ven. Sc. Lett. Arti Venezia, 131: 59-103Giaccone G., Sortino M., 1974 – Significato biogeografico della vegetazione marina della Sicilia
e delle Isole minori nell’area del Mediterraneo. Boll. Studi ed Inform. Giard. Col. Palermo, 26: 130-146.Giaccone G., Alongi G., Cossu A., Di Geronimo R., Serio
D., 1993 – La vegetazione marina bentonica fotofila del Mediterraneo: ?. Sopralitorale e Mesolitorale. Proposte di aggiornamento. Boll. Acc. Gioiena Sci. Nat.
Catania, 26: 245-291. Giaccone G., Alongi G., Pizzuto F., Cossu A., 1994a – La vegetazione marina bentonica fotofila del Mediterraneo: ??. Infralitorale e
Circalitorale. Proposte di aggiornamento. Boll. Acc. Gioiena Sci. Nat. Catania, 27: 111-157. Giaccone G., Alongi G., Pizzuto F., Cossu A., 1994b – La vegetazione
marina bentonica sciafila del Mediterraneo: ???. Infralitorale e Circalitorale. Proposte di aggiornamento. Boll. Acc. Gioiena Sci. Nat. Catania, 27: 201-227.
Giaccone G., Colonna P., Mannino A., Tornatore E., Cormaci M., Furnari G., 1985 – Revisione della flora marina della Sicilia e isole minori. Boll. Acc. Gioenia Sci.
Nat. Catania, 18[326]: 537-781.Giaccone G., Geraci R.M., 1989 – Un parco marino nel canale di Sicilia. I parchi marini: realizzazione e gestione. Gruppo Ricerche
scientifiche e tecniche subacquee, Atti Tavola Rotonda “I Parchi marini: Realizzazione e gestione”, Firenze, : 163-166.Giardina F., 2004. Studio biocenotico
dell’infralitorale superiore di un tratto della costa sud-orientale dell’Isola di Lampedusa. Università degli studi di Torino: Laboratorio di Biologia Animale e
dell’Uomo.Gramentz D., 1988 – Prevalent epibiont sites on Caretta caretta in the Mediterranean Sea. Il Naturalista Siciliano, S. IV, XII[1-2]: 33-46.Grasso M.,
Pedley H.M., 1985 – The geology of the Pelagian Islands and their structural setting related to the Pantelleria Rift (Central Mediterranean Sea). Centro, 1[2]: 1-19.
Grasso S., Bruni V., 1990 – La microflora marina dei sedimenti dell’Arcipelago delle isole Pelagie.- Oebalia, XVI-1: 479-488.Grasso M., Lanzafame G., Rossi P.L.,
Schmincke H.U., Tranne C.A., Lajoje J., Lanti E., 1991 – Volcanic evolution of the Island of Linosa, Straits of Sicily. Mem. Soc. Geol. It., 47: 509-525.Guidetti P.,
Giardina F. e Azzurro E. 2010. A new record of Cephalopholis taeniops in the Mediterranean Sea, with considerations on the Sicily channel as a biogeographical
crossroad of exotic fish. Marine Biodiversity Record 3: e13 Cambridge University Press.IRMA-CNR., 2002.- Study to improve the knowledge of the Dolphin-fish
fishery in the South-East of Sicily. Project CORY03 FAO – COPEMED Final Report.Lauriano G., Fortuna M.C., Notarbartolo di Sciara G., 2001 – Italy. Progress
report on cetacean research, December 2000 to January 2001.Lazzari A., Barbera G. , 1989 – Prime osservazioni sulla pesca di riproduttori di Ricciola, Seriola
dumerilii, nelle isole Pelagie. Oebalia, N.S., XV-2: 645-652.Lo Brutto S., Chemello R., Riggio S., 1994 – Crostacei Anfipodi dell’Isola di Lampedusa (Isole Pelagie).
Biol. Mar. Medit., 1[1]: 393-394.Manganaro A., Barbera G., Cammaroto S., Greco S., 1993 – Campagna di cattura di Seriola dumerili e tentativi di riproduzione
artificiale. Biologia Marina 1: 245-249.Max M.D., Colantoni P.(Eds.), 1993 – Geological development of the Sicilian-Tunisian platform.- Proceedings of the
International Scientific Meeting held at the University of Urbino, Italy, 4-6 November 1992. UNESCO Reports in Marine Science, 58: 171 pp.Messineo A.,
Grattarola A., 2001 – Dieci anni di Progetto Piccole Isole.- Biol. Cons. Fauna, 106: 1-244.Messineo A., Spina F., 2001 – Progetto Piccole Isole: risultati 1998-1999.
Biol. Cons. Fauna, 108: 1-148.MIATT- CoNISMa, 2010 – Studio degli ambienti di grotte marine sommerse (codice Habitat 8330) nelle aree marine protette di
Pelagie, Plemmirio e Capo Caccia. Micali P., Quadri P., 2001 – Su alcuni interessanti molluschi rinvenuti nell’isola di Lampedusa. Bollettino Malacologico, 36[9-
12]: 167-174.MINISTERO MARINA MERCANTILE – UNIVERSITA’ DI CATANIA. Convenzione su:RISERVA MARINA “ISOLE PELAGIE” 1990-1993.Moretti M.,
Sansone E., De Maio A., 1993 – Results of investigations in the Sicily -Channel (1986- 1990). Deep Sea Res., 40[6]: 1181-1192.Nicotra M., 1995 – La cintura a
Corallina elongata Ellis et Solander di Lampedusa. Tesi di Laurea, corso di Laurea Scienze Naturali A.A.1995-1996, Università di Catania.Pace D. S., Pulcini M.
& Triossi F., 1999.Tursiops truncatus population at Lampedusa Island (Italy): preliminary results. -Proceedings of the twelfth Annual Conference of the European
Cetacean Society (Monaco, 20-24 January 1998). Eds. P.G.H. Evans & E.C.M. Parsons: 165-169.Pace D. S., Pulcini M. & Triossi F., 2002- Ecologia
comportamentale e conservazione: interazione tra Tursiops truncatus e pesca a strascico presso l’Isola di Lampedusa.- Congresso della Società Italiana di
Etologia (SIE), Torino, 17-20 settembre 2002.Pace D. S., Pulcini M. & Triossi F., 2003. Interactions with fisheries: modalities of opportunistic feeding for
bottlenose dolphins at Lampedusa Island.- Proceedings of the 17th Annual Conference of the European Cetacean Society (Las Palmas de Gran Canaria, Spain,
9-13 March 2003).Paolella A., 1992 – Pianificazione e progettazione delle riserve marine. Parte seconda: schede. (Sicilia). Consorzio Pelagos-Ministero Marina
Mercantile, V-XIV: 183-242. Piazzi L., Balata D., Cinelli F., 2002 – Epiphytic macroalgal assemblages of Posidonia oceanica rhizomes in the western
Mediterranean. Europ. J. Phycol., 37[1]: 69-76.Pitruzzella G., Perricone M., 2005- Area Marina Protetta Isole Pelagie. In: “Il Mare Dentro. Navigare e immergersi
nelle aree marine protette siciliane”. ARPA SICILIA, dbi Ed. : 133- 154.Pizzicori P., Cannizzaro L., Rizzo P., Norrito G., Giusto G.B., 1996 – Pesca dei piccoli e
medi pelagici a Lampedusa. Biol. Mar. Medit., 3[1]: 561-564.Pizzicori P., Castriota L., Marino G., Andaloro F., 2000- Seriola carpenteri: a new immigrant in the
Mediterranean from the Atlantic Ocean.- Journal of Fish Biology, 57: 1335- 1338.Potoschi A., Celesti A., Azzurro E., Andaloro F., 2000 – Accrescimento di
Sparisoma cretense (Linnaeus 1758) nello Ionio meridionale e nell’Isola di Lampedusa. Biol. Mar. Medit., 7[1]: 825-829.Puccio V., Relini M., Azzurro E. (2003) –
Osservazioni sulla riproduzione di Percnon gibbesi (H. Milne Edwards, 1853) nelle Isole Pelagie (Sicilia). Biol. Mar. Medit., 10[2]: 267-272.Puccio V., Relini M.,
Azzurro E., L. Orsi Relini. 2006. Feeding habits of Percnon gibbesi (H. Milne Edwards, 1853) in the Sicily Strait. Hydrobiologia 557:79-84.Pulcini M., Triossi F. &
Pace D.S, 2001-. Presenza di Tursiops truncatus lungo le coste dell’isola di Lampedusa (Arcipelago delle Pelagie). Natura 90(2): 189-193.Pulcini M., Triossi F. &
Pace D.S., 2002-. Distribution, habitat use and behavior of bottlenose dolphin at Lampedusa Island: results of five-years survey.- Proceedings of the fifteenth
Annual Conference of the European Cetacean Society (Roma, Italy, 6-10 May 2001).Ragonese S., Di Stefano L., 2000 – Catture e selettività di pesci cartilaginei
nella pesca dei gamberi rossi nello Stretto di Sicilia. Biol. Mar. Medit., 7[1]: 400-411.Ragonese S., Gancitano S., Rizzo P., Bono G., 2002 – Life history of the
slender rockfish, Scorpena elongata Cadenat, 1943 (Pisces – Scorpaenidae), of the Strait of Sicily (Mediterranean Sea). Biol. Mar. Medit., 10[2]: 223-232.Randieri
A., 1999- Studio polichetologico dei fondi duri dell’isola di Lampedusa. -Tesi di Laurea, corso di Laurea Scienze Biologiche A.A.1999-2000, Università di Catania.
Relini M., Orsi L. , Puccio V., Azzurro E., 2000 – The exotic crab Percnon gibbesi (H. Milne Edwards, 1853) (Decapoda, Grapsidae) in the Central Mediterranean.
Scientia Marina, 64[3]: 337-340.Reuther C.-D., Eisbacher G.H., 1985 – Pantelleria Rift-crustal extension in a convergent intraplate setting. Geol. Rundschau, 74:
585-597.Ronsisvalle G.A., 1993 – Gli ambienti costieri sabbiosi siciliani. Boll. Acc. Gioenia Sci. Nat. Catania, 26[344]: 125-146.Sarà M., 1999 – Minà Palumbo F.
(1866-67, 1868). Catalogo dei mammiferi della Sicilia. Ann. Agr. Sic. Palermo, XII[2]: 183 pp.Scammacca B., Giaccone G., Pizzuto E., Alongi G., 1993 – La
vegetazione marina di substrato duro dell’isola di Lampedusa (Isole Pelagie). Boll. Acc. Gioenia Sci. Nat. Catania, 26[341]: 85-126.Serio D., Alongi A., Catra M.,
Cormaci M. e Furnari G., 2006. Changes in the benthic algal flora of Linosa Island (Straits of Sicily, Mediterranean Sea). Botanica Marina 49: 135-144. Spada G.,
1969. Ritrovamenti malacologici nel Mare di Lampedusa. Conchiglie, Milano, V (1-2): 12-19. Spada G., 1971. Contributo alla conoscenza delle malacofaune della
Biocenosi a Posidonia (L.) lungo le coste italiane. Conchiglie 7 (9-10): 125-135. Spada G., Sabelli B. e Morandi V., 1973. Contributo alla conoscenza della
malacofauna marina dell’Isola di Lampedusa. Conchiglie, Milano, 9 (3-4): 29-67.Terlizzi A., Geraci S., Minganti V., 1998 – Tributylin (TBT) pollution in the coastal
Waters of Italy as indicated by imposex in Hexaplex trunculus (Gasteropoda, Muricidae). Marine Pollution Bulletin, 36[9]: 749-752.Vacchi M., La Mesa G., 1999 –
Fish Visual Census in Italian Marine Protected Areas:- Experiences and Perspectives. Il Naturalista Siciliano, XXIII (Suppl.): 105-121

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Dati ministeriali: Mappa Ministeriale  Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni di contatto
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share