Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Collegiata (S. Maria dell’Elemosina, Regia Cappella)  

collegiataVia Etnea n. 23 vicino il Palazzo dell’Università. La chiesa barocca della Collegiata, intitolata a Maria Santissima dell’Elemosina, esisteva prima del terremoto del 1693, fu ricostruita nei primi anni del XVIII secolo. Il progetto è attribuito ad Angelo Italia, che ribaltò l’orientamento del nuovo edificio rispetto al precedente distrutto dal terremoto, in modo da farlo prospettare sulla via Uzeda (l’attuale via Etnea), prevista dal piano di ricostruzione. La facciata barocca è stata progettata da Stefano Ittar, è su due ordini. Nel primo ordine sono visibili sei colonne in pietra, sormontate da una balaustra. Nel secondo ordine è visibile un finestrone centrale con ai lati quattro statue: San Pietro, San Paolo, Sant’Agata e santa Apollonia. L’ingresso è preceduto da una grande scalinata limitato da una cancellata in ferro battuto. L’interno, a tre navate  conserva varie opere tra cui:  tele rappresentanti santa Apollonia e sant’Euplio di Olivio Sozzi; una tela rappresentante il Martirio di sant’Agata di Francesco Gramignani;  l’altare contenente una statua in marmo della Madonna; un organo ligneo del XVIII secolo. L’affresco della volta è di Giuseppe Sciuti (1896).

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Web 

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni di contatto
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share