Chiesa Madre di Scicli (San Guglielmo)

chiesa di san guglielmoIn piazza Italia. La chiesa, originariamente intitolata a S. Ignazio di Loyola),  era annessa al collegio dei Gesuiti, demolito nel 1960 per far posto all’attuale edificio scolastico. Il complesso iniziò ad essere costruito ancora prima del terremoto del 1693, la sua ricostruzione avvenne a partire dai primi decenni del settecento.  La data 1751 compare nella facciata della chiesa, anche se presumibilmente i lavori continuarono oltre tale data. E’ chiesa Madre dal 1874, anno in cui fu chiusa la chiesa di San Matteo. Dal 1986 la chiesa è intitolata a San Guglielmo Eremita. La facciata, presenta due ordini, con una superficie movimentata da lesene a da controlesene, comprendenti quattro statue collocate su piedistalli e decorazioni con testine di putti e motivi fogliacei. Il secondo ordine è affiancato ai lati da due celle campanarie e concluso da un timpano con cornice concavo-convesso; al centro è collocato un orologio. La chiesa, al suo interno, è a pianta basilicale a tre navate: la navata centrale è separata da quelle laterali da grossi pilastri.

 

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Contributi informativi:  Web, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

 

 

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments

    Share