Monti Climiti (ITA090020)

Tipologia sito: ZSC – Zona Speciale di Conservazione 

Codice: ITA090020 – Ettari: 2972

Descrizione:

Questo sito coincide con un rilievo montuoso costiero di natura essenzialmente calcarea miocenica a quote comprese tra 50 e 570 m. La parte sommitale risulta
più o meno pianeggiante ed è solcata da numerosi canaloni delimitati da più o meno sviluppate pareti rocciose. Il bioclima rientra nel termomediterraneo
subumido. Ben sviluppati ed estesi sono le formazioni forestali rappresentati da boschi sempreverdi a Quercus ilex, sia di tipo termofilo, localizzati soprattutto
nelle stazioni più esposte e ventilate, che mesofilo, circoscritte al fondo dei valloni. Si rinvengono pure lembi di boschi a Quercus virgiliana e Olea oleaster, che
prediligono le superfici più pianeggianti con suoli più maturi. Nelle stazioni rupestri o semirupestri aperte e ben soleggiate si rinvengono aspetti di macchia ad
Euphorbia dendroides, mentre nelle stazioni più fresche e ombreggiate sono presenti formazioni molto peculiari caratterizzate da specie rare o endemiche, come
Urtica rupestris, Aristolochia altissima, Scutellaria rubicunda, ecc. Sulle pareti rocciose invece si insedia una vegetazione casmofila a Putoria calabrica e Dianthus
rupicola. Frequenti sono pure le garighe a Sarcopoterium spinosum, Phlomis fruticosa e Salvia fruticosa, come pure le praterie erbacee perenni a Hyparrhenia
hirta o a Ampelodesmos mautitanicus.
4.2 Quality and importance
Si tratta di un’area di notevole valore naturalistico e paesaggistico, sia per la presenza di specie rare o endemiche, che per la localizzazione all’interno di essa di
formazioni forestali ancora ben conservate e abbastanza diversificate sotto il profilo fisionomico-strutturale. Alcune di queste formazioni sono ormai scomparse o
divenute abbastanza rare nel resto del territorio Ibleo. Si rileva inoltre la presenza di un ricco contingente di specie di un certo interesse geobotanico, alcune delle
quali menzionate nell’elenco riportato nella sezione 3.3 (D).Ospita un’avifauna di particolare rilevanza, soprattutto per quanto riguarda i Rapaci fra i quali è da
menzionare il Lanario, specie sempre molto rara che è presente con una coppia. Altra presenza rilevante è quella della Coturnice di Sicilia. Notevole interesse
riveste anche la fauna invertebrata silvicola, ricca di endemiti siculi, talora noti soltanto per poche località della regione iblea e quella legata agli ambienti xerici e
subxerici della gariga che annovera molte specie rare e stenotope

 

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Dati ministeriali: Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota esclusione responsabilità

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments

    Share