Monte Chiapparo (ITA060014)

Tipologia sito: ZSC – Zona Speciale di Conservazione 

Codice: ITA060014 – Ettari: 1877

Descrizione:

Altre caratteristiche sito:Il sito, esteso 1594 Ha, ricade interamente nei comune di Agira (provincia di Enna). I suoli sono prevalentemente argillosi a composizione
equilibrata. Solo nelle parti sommitali o in forte pendio prevalgono suoli impoveriti di humus e arricchiti di sabbie gessose. I substrati (argille, calcari marnosi,
marne, calcari gessosi e gessi) sono riconducibili alla serie evaporitica del Messiniano. L’orografia si presenta con morfologia collinare dolce. L’area ha un
margine collocato sulla riva sinistra del Fiume Dittaino. Esterna al sito è l’alta collina Rocca dell’Aquila.Il clima dell’area è meso-mediterraneo secco secondo la
terminologia di Rivas Martinez.Le colline sono costituite da argille con vasti affioramenti di calcare, calcare marnoso, marne e gessi. Su argilla l’aridità estiva del
suolo è spiccata, mentre su marne e su gessi è più contenuta. Sui pendii calanchivi dei terreni argillosi si insedia Lygeum spartum col corteggio delle erbe sia
perenni che, in massima parte, annuali caratteristiche del Lygeo-Eryngietum dichotomi Gentile & Di Benedetto 1961.Sulle marne e sui calcari marnosi si
insediano fitte popolazioni di Ampelodesmos mauritanicus (Poir.) T. Durand & Schinz, che si associano a Eryngium tricuspidatum L. var. bocconii (Lam.) Fiori
(endemica) e ad altre specie del genere Eryngium, ad Asperula aristata L. fil. subsp. scabra (J. & C. Presl) Nyman e Matthiola fruticulosa subsp. coronopifolia
(Sm.) Giardina & Raimondo in pubbl. (endemica).Sui gessi si insedia una gariga a Coridothymus capitatus (L.) Reichenb. fil. portante come trasgressiva Seseli
tortuosum L. var. tortuosum, con presenza frequente di Cachrys sicula.I terreni agricoli sono condotti a cereali in genere con prevalenza di grani duri. Essi
coprono quasi il 50% dell’area.Impianti forestali a Eucalyptus sp. pl. coprono meno dell’1% dell’area, hanno estensione difficile da valutare e pertanto non sono
stati riportati in tabella.
4.2 Quality and importance
Il valore del sito non sta nelle formazioni vegetali dei Lygeo-Stipetea dominate da Lygeum spartum, in quanto queste non si presentano al massimo della loro
espressività. Il suo valore risiede principalmente nelle formazioni ad Ampelodesmos mauritanicus (Poir.) T. Durand & Schinz (anch’esse afferenti ai LygeoStipetea), in quanto queste si presentano con una facies rara arricchita da Eryngium tricuspidatum L. var. bocconii (Lam.) Fiori e Matthiola fruticulosa subsp.
coronopifolia (Sm.) Giardina & Raimondo e Ophrys obaesa, tutte endemiche.Le formazioni ad Ampelodesmos mauritanicus hanno grande valore paesaggistico.
Esse tuttavia sono degli stadi di degradazione della lecceta e di altre formazioni con querce caducifoglie. A causa della scarsa energia libera posseduta dalla
comunità (e determinata dalla chiusura dei cespi – elevato valore coprente) questa evolve con grande difficoltà. Eventuali segni di transizione verso formazioni
più evolute non dovrebbero essere ostacolate dal Gestore del SIC.Il sito ospita una ricca e diversificata fauna invertebrata, che annovera elementi faunistici di
antica origine, da far risalire alle fasi climatiche caldo-xeriche che hanno caratterizzato la fine del Terziario, fra essi numerosi sono gli endemiti siculi, le specie
rare e/o stenotope e stenoecie. Notevole è la presenza del Lanario, specie rara legata agli ambienti steppici e substeppici.

 

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Dati ministeriali: Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota esclusione responsabilità

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments

    Share