Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Luoghi del Mito di Glauco

Bene inserito nel registro LIM della Regione Sicilia (Luoghi del Sacro)  – Settore “I Luoghi del mito e delle Leggende” nella seguente sottocategoria: Luoghi della metamorfosi 

Glauco e Scilla – Agostino Carraci (1597) Galleria Farnese Roma

Glauco era figlio di Poseidone, dio del mare, e di una ninfa delle Naiadi. Secondo la leggenda, Glauco nacque umano e faceva il pescatore divenne un dio immortale grazie ad un’erba magica. Un giorno posò la rete da pesca contenente il pesce che aveva pescato su un prato, ed i pesci, mangiando quell’erba, tornavano in vita e si rigettavano in mare. Glauco incuriosito assaggiò quell’erba e, grazie alle sue proprietà magiche, divenne immortale e divino; le sue gambe si tramutarono nella coda di un pesce.

Glauco cerco di sedurre Scilla di cui si era innamorato ma Circe che a sua volta si era innamorato di lui glielo impedì trasformando Scilla in un mostro. 

Dal poema “Le metamorfosi di Ovidio XIII-XIV:  

Glauco e Scilla

Il Dio marino Glauco, innamorato della ninfa Scilla, decide di ricorrere
alle arti magiche della Maga Circe. Dalla Sicilia

… con valide braccia
poscia solcando il Tirreno pervenne all’erbose colline
ed al palazzo di Circe, la figlia del Sole, ripieno
tutto di belve. La salutò nel vederla,
risultato, dicendo: “Pietà, ti scongiuro, d’un Dio!
Poiché tu sola, se degno ti sembro, mi puoi alleviare
la passione amorosa. Nessuno sa meglio di Glauco
quanto sia grande la forza dell’erbe, che m’hanno mutato.

… non farmaco chiedo
che la ferita mi sani: non questo m’occorre; ella senta
parte del fuoco che m’arde! “Ma Circe (nessuna di lei
è meglio adatta agli amori improvvisi)…

… così gli rispose: “Faresti
meglio a seguire qualcuna che voglia te pure, infiammata
dalla medesima passione”…
ecco io stessa, una diva, la figlia del nitido Sole,
che tanto posso con carmi e pur anche con l’erbe, vorrei
essere tua. Lei sprezza che spregia e seconda chi t’ama;
e in un tratto soltanto fa’ la vendetta di due”.
Glauco così rispondeva alla diva che lo lusingava:
“Prima le fronde nel mar nasceranno o su l’alte montagne
l’alghe, ch’io muti, vivendo, l’amore che nutro per Scilla”.
Ne fu sdegnata la Dea, che nuocere non gli potendo
e non volendo, perché n’era presa, s’adira con quella
che l’è preposta; ed offesa per tale rifiuto d’amore,
subito trita erbacce d’orribili succhi,
e, nel tritarle, sussurra dei carmi acatei; un’azzurra
veste si mette e, tra mezzo alle belve che fannole festa,
esce dall’atrio e va verso Reggio, di fronte a Messina…

In un’insenatura, dove Scilla è solita bagnarsi, Circe infetta
le acque del mare con veleni spremuti da radici ripetendo parole
magiche. Scilla poco dopo entra nell’acqua e subito si vede la
parte inferiore del corpo bruttata da cani ringhiosi; in seguito
viene mutata in rupe

Visita la Banca Dati del Patrimonio Culturale Immateriale siciliano e maltese  per conoscere altri beni immateriali

Visita Data Maps Heritage: Insieme delle Banche dati del Patrimonio Culturale siciliano e maltese e  per conoscere altre banche dati (natura, barocco, archeologia, beni materiali e molto altro ancora)

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente)
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share