Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
60 Viale del Mediterraneo

Baia Settefrati e spiaggia di Salinelle (ITA020051)

 

Tipologia sito:  SIC: Sito di Interesse Comunitario 

Codice: ITA020051 – Ettari: 68

Descrizione:

Il biotopo di Settefrati comprende un tratto di costa compreso fra Capo Plaia e Mazzaforno, nel territorio di Cefalù, raggiungibile soltanto attraverso sentieri ed accessi privati. Sotto l?aspetto geolitologico, l?area è caratterizzata da arenarie grigio-brunastre ed argille marnose (Oligocene-Miocene inferiore) poste a ridosso di terrazzi marini, mentre sotto l?aspetto climatico rientra nella fascia del termomediterraneo inferiore subumido inferiore. Tale tratto di costa è finora sfuggito all?espansione edilizia ed alle lottizzazioni che hanno interessato su vasta scala la costa tra Cefalù e Palermo grazie alla presenza di un?ampia tenuta appartenuta ai Baroni Ortolani di Bordonaro, recentemente donata al Comune di Cefalù. La tenuta comprende tra l?altro il ?Castello?- un baglio fortificato risalente al XVI secolo con l?annessa chiesetta di Santa Felicita – ed un?ampia superficie pianeggiante occupata da oliveti secolari di particolare pregio.

L?area ospita uno dei litorali più integri e suggestivi dell?intera provincia di Palermo, comprendente una estesa spiaggia intervallata da calette rocciose. Sotto l?aspetto vegetazionale vi si ricontra un rilevante aspetto di macchia a sclerofille (Myrto communis-Pistacietum lentisci) esteso lungo i pendii retrostanti la spiaggia. E? da rilevare come in Sicilia simili aspetti di comunità sclerofilliche siano oggi rappresentati in maniera estremamente frammentaria con gli esempi più rappresentativi localizzati nelle aree sud-orientali e meridionali dell?isola, mentre lungo la fascia tirrenica sono ormai presenti soltanto limitati nuclei residuali. Nell?area sono inoltre da segnalare nuclei di boscaglia xero-alofila a Tamarix africana e lembi di vegetazione ripariale a Populus nigra; comunità psammofile (Salsolo-Cakiletum maritimae e Sporobolo arenarii-Agropyretum juncei) ed alo-rupicole sono state rilevate lungo la spiaggia e negli affioramenti rocciosi al suo interno. La baia antistante la spiaggia presenta bassi fondali sabbiosi e rocciosi che ospitano una prateria di Posidonia oceanica ed altre interessanti fitocenosi a cui si associa una ricca fauna marina. Il paesaggio rurale del tavolato interno risulta ancora integro e di particolare significato paesaggistico, essendo caratterizzato da oliveti di elevato valore estetico e storico. E? da sottolineare come gli ?Oliveti Secolari? siano stati recentemente proposti come habitat nuovo per l?inserimento nell?allegato I della direttiva 92/43/CEE, in quanto costituenti del paesaggio caratteristico e storico della Regione Mediterranea in bioclima Termo e Meso-Mediterraneo. Tali agroecosistemi rappresentano anche un importante habitat anche per la fauna terreste e l?avifauna

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Dati ministeriali: Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota esclusione responsabilità

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Share