Klassifikazzjonijiet, Kummenti u Esperjenzi tal-Utent
Ratah (1 sa 5)
0.000
post
Alicudi

Gżira Alicudi (ITA030023)

Tip ta 'sit: Żona ta 'Konservazzjoni Speċjali SAC  

Kodiċi: ITA030023- Ettari: 389

Complesso vulcanico alto circa 675 m, si presenta come una massa subsonica, con pareti ripide, che divengono spesso verticali verso il mare, nella parte occidentale dell’isola. Mentre la parte orientale presenta una morfologia più dolce. La costa dell’edificio vulcanico si presenta più o meno uniforme, priva di insenature e di scogli. Sotto il profilo climatico l’isola è interessata da un clima termomediterraneo sub-umido con precipitazioni medie annue di circa 600 mm e temperature medie annue che si aggirano intorno ai 18 ° C. Le superfici meno acclivi erano state in passato terrazzate e utilizzate per scopi agricoli. Attualmente molte di queste aree risultano abbandonate e sono state riconquistate dalla vegetazione arbustiva naturale. Infatti gran parte della superfice è in ricoperta da arbusteti bassi e da macchia alta. In alcune zone impervie si rinvengono piccoli lembi di boschi a Quercus ilex. Nel versante settendrionale e occidentale molto scosceso e spesso inaccessibile si rinvengono aspetti arbustivi misti a vegetazione rupicola-

Sull’isola sono presenti diverse specie rare, alcune rinvenute di recente sui versanti più impervi, come Cytisus aeolicus e Silene hicesiae, rari endemismi eolici. Inoltre è da segnalare la presenza di altre specie endemiche, quali Genista tyrrhena, Centaurea aeolica, Helichrysum litoreum, Ranunculus rupestris, ecc., che risultano ben rappresentate e spesso abbondanti. Fra gli aspetti di vegetazione naturale più diffusa sono da segnalare gli arbusteti a Genista tyrrhena e da garighe ad Helichrysum litoreum. In ambienti rocciosi si rinvengono frammenti di formazioni rupicole del Dianthion rupicolae. Nel territorio trovano spazio anche entitajiet varji li fiż-żona reġjonali huma rari jew meqjusa bħala ta 'interess fitoġeografiku sinifikanti, min-naħa tagħhom imsemmija fil-lista fit-taqsima 3.3 (D).Il-gżira tinsab fuq rotta migratorja importanti għall-għasafar tal-priża u ċ-ċikonji li taffettwa l-istess fluss migratorju bħall-Istrett ta 'Messina. Huwa wkoll sinifikanti passaġġ, speċjalment fil-ħarifa, tal-passerini; abbundanti huma Turdids u Silvids. L-iktar preżenzi importanti huma rrappreżentati fost dawk li jbejtu dalle colonie di Falco della regina, allocate sulle falesie rocciose. Tra i passeriformi di rilievo la presenza della Magnanina. Lo stato di conservazione degli habitat può essere ritenuto buono e consente di ospitare una fauna relativamente ricca con alcune specie endemiche, talora del solo arcipelago eoliano, o della sola isola di Alicudi (Oxychilus (Hyalocornea) alicurensis (Benoit, 1857))

 

Sors: Formola tal-Ministeru għall-Ambjent Natura 2000

Dejta ministerjali: Forma Natura 2000

Inserzjoni tal-biljett: Ignazio Caloggero

Ritratt: web

Kontribuzzjonijiet ta 'informazzjoni: Ignazio Caloggero, Reġjun ta 'Sqallija

Nota ta 'ċaħda

Informazzjoni dwar il-ġeolokalizzazzjoni u r-rotta biex tilħaq il-post
Ara l-post bi Street View (jekk hemm). Rilevanti biss jekk tirreferi għal assi tanġibbli b'indirizz assoċjat.
post
Ibgħat avviż lill-pubblikatur

    Your Name (meħtieġ)

    Your Email (meħtieġ)

    suġġett

    Il-messaġġ tiegħek

    Aqsam