Tu sei qui: Home » Storia di Sicilia » I Primi Centri Urbani

Storia di Sicilia
2 I Primi Popoli: 2.7 I Primi Centri Urbani

Nel Paleolitico la tipica abitazione era la grotta, a volte più persone si riunivano, in modo non sedentario, in accampamenti, cioè in abitati temporanei, la cui caratteristica era propria l’instabilità dell’insediamento (non si conoscono in quest’epoca così remota insediamenti stabili).

Nel neolitico invece fa la sua presenza il villaggio, caratterizzato dalla presenza di case stabili, dovute ad una popolazione sedentaria la cui attività principale è l’agricoltura. Fu proprio l’agricoltura infatti che favorì la formazione delle prime comunità umane numerose e durevoli, si iniziò ad usare per la costruzione degli edifici un architettura di mattoni e di pietra[1].

Verso il II millennio a.C., con la crescita della popolazione e l’inizio del commercio, alcuni villaggi videro una crescita notevole, evolvendosi in vere e proprie città. A differenza dei villaggi la città ha una grande superficie, popolazione numerosa e soprattutto differenziata socialmente, con la presenza di vari mestieri, tra cui l’artigianato, lo scambio di merce ed altre attività collaterali. Una città può essere vista dal punto di vista funzionale come un unità completa, grazie proprio alla differenziazione sociale della popolazione che garantisce i molteplici fabbisogni di un complesso urbano. Ecco quindi che all’interno della città è presente un  mercato, un centro di culto, una sovranità politica ed anche una struttura militare per la difesa dai nemici.

In Sicilia si può iniziare a parlare di città verso il XIII secolo a.C. I primi a fondare centri urbani di un certo interesse furono i Sicani a cui seguirono i Siculi. I vari popoli che si sono succeduti hanno man mano accresciuto il numero delle città, anche se spesso un nuovo popolo, invece di costruire una nuova città, utilizzava, quando poteva, il sito di una precedente città, questo ha fatto sì ad esempio, che una città la cui origine era Sicana sia diventata Sicula e poi con l’arrivo dei greci subisse un processo di ellenizzazione per cui viene considerata dai più, greca. Questo è il caso di Messina (l’antica Zancle) considerata città Greca ma la cui origine si deve ai siculi.

Ho voluto presentare un elenco di quelle che considero i principali centri tra i più antichi della Sicilia, un elenco completo è impossibile,  in quanto di molti centri si è ormai persa ogni traccia, sia archeologica sia letteraria. .

[1]Il più antico insediamento urbano con mattoni e cinta muraria è la città medio-orientale di Gerico in Giordania, fu costruita nel VIII millennio a.C., quando ancora l’Europa stava uscendo dall’ultimo periodo glaciale.

 

Gerico

[wp_ad_camp_1]

Storia di Sicilia  di Ignazio Caloggero

Share
X
X