Tu sei qui: Home » Blog La Sicilia in Rete » Registro delle Eredità Immateriali di Sicilia

Share This Post

Registro delle Eredità Immateriali di Sicilia

Registro delle Eredità Immateriali di Sicilia 

Il Registro delle Eredità Immateriali di Sicilia (REI), nasce con il D.A. n. 77 del 26/07/2005 dell’Assessorato dei beni culturali, ambientali e della pubblica istruzione della Regione Sicilia,  è conseguenza di quanto stabilito dalla Convenzione UNESCO del 17 ottobre 2003 “Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale”.

Inizialmente composto da 4 libri, a seguito del Decreto Assessoriale N. 571 del 5/3/2014 che tiene conto di alcune direttive emanate dall’Unesco, è adesso composto dai seguenti libri: 

il Libro delle Celebrazioni, delle Feste e delle Pratiche Rituali
in cui iscrivere i riti, le cerimonie e le manifestazioni popolari associate alla religiosità, ai cicli produttivi, all’intrattenimento e ad altri momenti che si pongono quali tratti storico-culturali caratterizzanti la vita di una comunità;

il Libro dei Mestieri, dei Saperi e delle Tecniche
in cui iscrivere le pratiche ergologiche legate alla storia e alle tradizioni delle comunità e le conoscenze riferite alla gestione del territorio e alla rappresentazione dei cicli naturali e cosmici;

il Libro dei Dialetti, delle Parlate e dei Gerghi
in cui iscrivere quei fenomeni di comunicazione linguistica che sono esito di particolari vicende storico-culturali o espressione di specifici gruppi socio-culturali;

il Libro delle Pratiche Espressive e dei Repertori Orali
in cui iscrivere le tradizioni musicali, coreutiche, drammatiche, verbali e ludiche trasmesse entro dinamiche di elaborazione comunitaria storicamente stratificate;

il Libro dei Tesori Umani Viventi
in cui iscrivere quegli individui, le collettività, i gruppi che si pongono quali detentori unici o particolarmente qualificati di saperi tecnici, rituali-cerimoniali, linguistici o espressivi riferibili a processi storico-culturali di “lunga durata”;

il Libro degli Spazi Simbolici
in cui iscrivere gli spazi che hanno registrato eventi tali da sortire dinamiche di memorie collettive, produzione simbolica o che si pongono quali scenari socio-culturali storicamente identificati.

Allo stato attuale (Novembre 2016) sono oltre 220 i beni inseriti nel REIS

Tra questi molte feste patronali (Festa di Santa Rosalia a Palermo, Santa Lucia a Siracusa, Sant’Agata a Catania, San Giorgio e San Giovanni a Ragusa…) Saperi e Mestieri (Ricamo e sfilato, Cioccolata modicana, arte del pairo…) Celebrazioni e riti (Settimana Santa, Cene di San Giuseppe, Giostre, Festa del Maiorchino) ed altro ancora, a testimoniare la richhezza delle nostre tradizioni 

L’Associazione Culturale Heritage Sicilia in collaborazione con il Centro Studi Helios hanno iniziato un progetto di catalogazione e georeferenziazione del Patrimonio Culturale Immateriale di Sicilia e quindi anche dei Beni inseriti nel REIS. Di seguito la scheda di dettaglio del REIS  Il Centro Studi Helios con ulteriori informazioni sul Registro.

Scheda: REIS

Il Registro delle Eredità Immateriali di Sicilia

Share This Post

Leave a Reply

Share