Tu sei qui: Home » Heritageimmateriale » La Leggenda di Ismeria (The legend of Ismeria)

La Leggenda di Ismeria (The legend of Ismeria)

Verified
leggendamadonnadi Liesse1.jpg
64 Liesse, Il-Belt Valletta, Malta
Ġnein is-Sultan Street Valletta MT

La Leggenda di Ismeria (The legend of Ismeria)

Leggenda legata alla Chiesa di Nostra Signora di Liesse (la Valletta).

Articolo tradotto dal sito : www.timesofmalta.com

Durante le Crociate, i Cavalieri di San Giovanni erano impegnati in un’aspra lotta contro i Musulmani in Terra Santa. Nel 1134, tra la prima e la seconda crociata, infuriò una feroce battaglia tra eserciti cristiani e musulmani in cui tre nobili cavalieri della Piccardia si distinguevano per il loro coraggio.

Gli eroici soldati francesi, nonostante i loro sforzi, furono catturati dai Saraceni e portati al Cairo prima del califfo, che, avendo percepito il loro valore militare, cercò di convertirli all’Islam, promettendo loro doni sontuosi. I cavalieri, forti nella fede e in battaglia, non cedettero alle lusinghe, così furono imprigionati in una torre dove patirono la fame e le privazioni. Qui il califfo inviò vari capi religiosi per cercare di convertire i cavalieri, ma ogni volta se ne andarono senza successo, poiché i cavalieri usavano argomenti persuasivi in ​​difesa della loro religione.

Poi il califfo testardo tentò un’ultima volta: mandò nella loro cella sua figlia Ismeria, una bella principessa nel fiore degli anni, per convertirli nella religione musulmana. La ragazza, commossa per la fine crudele che attendeva i cavalieri se non obbedivano alla volontà di suo padre, tentò in tutti i modi di persuadere i prigionieri a cambiare la loro fede, promettendo loro in cambio ricchezze e onori. Più volte è andata ai condannati e ogni volta le hanno rivelato le Scritture, finché non hanno parlato della Vergine Maria. Hanno detto ad Ismeria che l’immagine della Vergine Maria è sufficiente per rapire ogni cuore, convincendolo ad amarla “.
la principessa divenne curiosa e chiese ai cavalieri di creare un’immagine della Divina Madre, in modo che lei potesse vederla. Diede loro un pezzo di legno, i pennelli e gli strumenti necessari, in modo che potessero creare una statua, poi se ne andò. I due fratelli più giovani, disperati, si rivolgono a quelli più anziani, perché non sono stati in grado di creare una statua del genere, ma li ha rassicurati, esortandoli a pregare. Caddero in un sonno profondo, durante il quale un angelo, inviato dalla Vergine Maria, scolpì il pezzo di legno nella forma di una figura molto delicata della Madonna. Avvolti in una luce abbagliante, i cavalieri si svegliarono e si inginocchiarono davanti alla statua per adorarla.
È arrivato il mattino Ismeria arrivò alla torre e vide la statua. Il cavaliere di Eppe, il maggiore dei tre fratelli, disse: “Ecco la statua della Vergine operata dagli angeli, senza artificio umano.” La principessa cadde ai piedi della statua implorando la Vergine Maria di renderla cristiana attraverso il battesimo. La notte seguente, la Vergine apparve in sogno alla principessa, predicendo che l’avrebbe portata in Francia, scortata dai tre cavalieri, con cui sarebbe fuggita dall’Egitto.

Durante la notte, Ismeria si precipitò alla torre, che trovò miracolosamente aperta, e condusse i cavalieri fuori dalla fortezza, restituendo loro la libertà. Non appena i fuggiaschi arrivarono sulla riva del Nilo, non furono in grado di raggiungere la sponda opposta, quando improvvisamente un barcaiolo amichevole li condusse dall’altra parte, ma non appena raggiunsero la loro destinazione l’uomo svanì. Era un angelo inviato dalla Madonna.

I quattro se ne andarono, finché Ismeria, esausta, chiese un po ‘di riposo all’ombra di una siepe. Tutti si sono addormentati e un nuovo miracolo è accaduto: il gruppo si è svegliato in un altro posto. Così chiesero a un pastore di passare dove erano e lui rispose che erano in Piccardia, nella terra di Leon, e che lì vicino c’era la villa di Eppe. Si inginocchiarono e ringraziarono umilmente la Vergine Maria, così raggiunsero un giardino dove la statua della Madonna, che stavano trasportando dall’Egitto, divenne così pesante da non poter essere spostata: era un chiaro segno divino che la Vergine voleva essere adorato in quel luogo Poi, nel villaggio di Liesse, fu costruito un tempio dedicato alla Madonna della gioia.

I cavalieri furono accolti con giubilo dai loro parenti, che non si stancarono mai di ascoltare quella storia di meraviglie e miracoli, e furono anche affascinati dalla principessa Ismeria, che in nome di Dio aveva rinunciato alla sua vita reale. Fu presto condotta dal vescovo di Laon che la battezzò dandole il nome di Maria. Condusse una vita esemplare e alla sua morte fu sepolta nella chiesa che la Vergine aveva indicato ai fuggiaschi.

Cinque secoli dopo, i cavalieri francesi portarono questa devozione a Malta, dove costruirono una chiesa dedicata a Nostra Signora di Liesse sul lungomare del Grand Harbour di La Valletta, su una chiesa preesistente. La statua della Madonna e del bambino trasportati in Francia dall’Egitto fu distrutta durante la rivoluzione del 1789.

La leggenda di Ismeria e dei tre cavalieri è ben rappresentata dalla pala d’altare, dipinta nel XVII secolo da Enrico Arnaux (1692-1764), un pittore maltese non immune all’influenza di Mattia Preti, ma soprattutto di Stefano Erardi. Il dipinto è diviso in due livelli: nella parte superiore, la Madonna e il bambino siedono su un trono fatto di nuvole, circondati da angeli, e guardano la scena che si svolge ai loro piedi. Sotto sono raffigurati i cavalieri addormentati, mentre all’estrema sinistra c’è l’angelo che trasporta la statua da consegnare alla principessa Ismeria, come predetto dalla Vergine. La scena è immersa in un’atmosfera soffusa e dorata che gli conferisce il carattere di una visione preziosa.
La chiesa di Liesse contiene anche due dipinti di Cassarino, un importante seguace di Caravaggio, dopo la sua fuga da Malta: San Maurizio guarisce un bambino, un’opera dal suo stadio maturo, firmato e datato 1623, e San Luigi di Francia, che invece appartiene alla prima fase naturalistica del pittore.
Davanti alla sagrestia si trova una scultura in cartapesta, guidata in oro 18 carati, dipinta a olio e creata nel 1981 dallo scultore maltese Albert Micallef. Il gruppo scultoreo è composto da sei figure: in alto a destra si trova la Madonna, che indossa indumenti preziosi con colori vivaci, impartisce ordini affinché il miracolo sia compiuto, mentre sul lato opposto l’angelo, tenendo la statua destinata alla principessa Ismeria, guardando la Vergine, adempiendo le sue istruzioni.

All’estrema destra, il bambino Gesù indica in basso i tre cavalieri che dormono, formando un ponte tra il mondo divino e l’umano, tra il miracolo appena accaduto e lo stato di incoscienza dei cavalieri. I tre soldati dormienti formano un gruppo piramidale stretto, il cui apice è occupato dal cavaliere di Eppe. La scultura è stata restaurata nel 2011.

La statua viene portata fuori dalla chiesa e portata sulle spalle dei fedeli durante la festa della Madonna di Liesse, che si svolge il 30 aprile.

 

Visita la Banca Dati del Patrimonio Culturale Immateriale siciliano e maltese  per conoscere altri beni immateriali

Visita Data Maps Heritage: Insieme delle Banche dati del Patrimonio Culturale siciliano e maltese e  per conoscere altre banche dati (natura, barocco, archeologia, beni materiali e molto altro ancora)

Nota esclusione responsabilità

leggendamadonnadi Liesse1.jpg 1 year ago
Showing 1 result
Rating
Featured/Unfeatured
Claimed/Unclaimed
Showing 8 results
Share