Tu sei qui: Home » Heritagegastronomia » Menfi
Verified
vigneto_bianco_uva.jpg
Vini   DOP   DOC
43 Via Figuli Sambuca di Sicilia Sicilia 92017 IT

Menfi

Tipologia: Tipologia: DOP/DOC – Vino

Zona di produzione: omuni di Menfi, Sciacca e Sambuca di Sicilia in provincia di Agrigento e Castelvetrano in provincia di Trapani

Riconoscimento: 14/04/2004

Disciplinare: Scarica il disciplinare

SCHEDA PRODOTTO

 

Il Menfi DOP comprende le seguenti tipologie di vino: Bianco, Rosso e Vendemmia Tardiva. La Denominazione include anche numerose specificazioni da vitigno e geografiche.

Zona di produzione

La zona di produzione del Menfi DOP comprende il territorio dei comuni di Menfi, Sciacca e Sambuca di Sicilia in provincia di Agrigento e Castelvetrano in provincia di Trapani, nella regione Sicilia.

Uvaggio

Bianco: Inzolia o Ansonica e/o Grecanico e/o Chardonnay e/o Catarratto bianco lucido minimo 75%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, non aromatiche, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 25%. Rosso (anche Riserva): Nero d’Avola e/o Sangiovese e/o Merlot e/o Cabernet Sauvignon e/o Syrah minimo 70%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo, non aromatiche, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 30%. Vendemmia Tardiva: Chardonnay e/o Inzolia o Ansonica e/o Catarratto bianco lucido e/o Sauvignon da soli o congiuntamente per il 100%.

Descrizione tipologie di prodotto

Il Menfi DOP Bianco è di colore giallo paglierino con sfumature verdognole; i profumi sono delicati, con aromi di frutta e fiori di campo; al gusto è secco e richiama la gamma olfattiva con morbidezza gustativa. Il Menfi DOP Rosso ha colore rubino intenso; al naso sorprende per la sua eleganza e per l’ottimo equilibrio tra la componente fruttata e quella speziata; in bocca il gusto è secco e moderatamente tannico, sapido e di buona struttura. Può presentare la menzione Riserva se prima dell’immissione al consumo è stato sottoposto a un periodo minimo di affinamento di due anni a decorrere dal primo novembre seguente l’anno di produzione delle uve. Il Menfi DOP Vendemmia Tardiva si presenta di colore giallo paglierino tendente al dorato; al naso persistono le note caratteristiche dell’invecchiamento, con leggeri sentori di miele, mandorle e altra frutta secca; al palato è dolce e armonico, arricchito dai caratteristici toni gustativi dell’invecchiamento. Il vino a denominazione di origine protetta Menfi DOP Vendemmia Tardiva deve essere ottenuto da uve parzialmente appassite solo sulla pianta e il titolo alcolometrico naturale minimo deve essere di 13°.

Specificazioni geografiche o sottosezione

Il Menfi DOP può essere accompagnato da due sottodenominazioni geografiche: Menfi DOP Feudo dei Fiori e Menfi DOP Bonera prodotti nei territori appartenenti al comune di Menfi, in provincia di Agrigento. Il Menfi DOP Feudo dei Fiori comprende la sola tipologia di vino bianco prodotto con Chardonnay e/o Inzolia o Ansonica minimo 80%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 20%. Il Menfi DOP Bonera comprende la sola tipologia di vino rosso prodotto con Cabernet Sauvignon, Nero d’Avola, Merlot, Sangiovese, Syrah, da soli o congiuntamente minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. Il vino Menfi DOP Bonera, prima dell’immissione al consumo, deve essere sottoposto a un periodo minimo di affinamento di 12 mesi a partire dal primo novembre seguente la vendemmia di produzione; può presentare la menzione Riserva se sottoposto a un periodo minimo di affinamento di due anni a decorrere dal primo novembre seguente l’anno di produzione delle uve.

Specificazioni da vitigno

Il Menfi DOP può presentare le specificazioni dei vitigni sottoindicati. Da vitigno bianco: Chardonnay, Grecanico, Inzolia o Ansonica minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. Da vitigno rosso (anche Riserva):Nero d’Avola, Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Syrah, Merlot ciascuno minimo 85%, da soli o con aggiunta di uve a bacca di colore analogo provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione nell’ambito dell’area interessata fino a un massimo del 15%. Le caratteristiche di colore, profumo e gusto di ciascuna specifica sono quelle tipiche del vitigno e del terroir di provenienza.

Fonte Scheda: Banca Dati Qualigeo

Scopri altri aspetti della Banca Dati Patrimonio Enogastronomico siciliano 

Può interessarti una visione più ampia: Ricette e Sapori del Mediterraneo 

Se vuoi invece conoscere tutte le banche dati del Patrimonio Culturale siciliano: Data Maps Heritage

vigneto_bianco_uva.jpg 3 years ago
  • You must to post comments
Showing 1 result
Rating
Featured/Unfeatured
Claimed/Unclaimed

No entries were found.

Showing 0 results
Share