Tu sei qui: Home » Heritagegastronomia » Ficodindia della Valle del Torto, “Ficudinia”
Verified
Ficodindia della Valle del Torto, “Ficudinia”.jpg
SS121 Roccapalumba Sicilia 90020 IT

Ficodindia della Valle del Torto, “Ficudinia”

ficodindia-della-valle-del-torto-ficudinia

Prodotto inserito nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT)

Tipologia PAT: Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Area di Produzione

Scheda tecnica del prodotto agroalimentare tradizionale (P.A.T)

Territorio interessato alla produzione: Alta Valle del fiume Torto, e più precisamente Roccapalumba, Alia, Vicari, Lercara Friddi.

Descrizione sintetica del prodotto: Il ficodindia è una pianta sub-tropicale, il frutto che produce è una  bacca di forma ovoidale. Esistono tre varietà: la bianca detta “muscaredda” – 90% della produzione; la gialla detta “sulfarina” –  5% della produzione; la rossa detta “sanguigna” –  5% della produzione.

Descrizione delle metodiche di lavorazione e stagionatura: per avere un prodotto di maggiore qualità, pezzatura e resa, in primavera i frutti (chiamati agostani) e le pale giovani, vengono asportate per ottenere una seconda produzione autunnale, si ottiene, quindi il frutto “scozzolato” detto in roccapalumbese “Bastarduni”; inoltre nella seconda produzione, per migliorare ancora di più il prodotto, si procede al diradamento che consiste nel togliere parte dei frutti che hanno raggiunto i 2-3 cm. di altezza. Le operazioni di raccolta iniziano nel mese di ottobre e si protraggono sino al mese di dicembre. Successivamente alla raccolta i frutti vengono despinati.

Materiali e attrezzature specifiche utilizzate per la preparazione e il condizionamento: Il frutto despinato e calibrato meccanicamente viene subito immesso al consumo in confezioni conformi alla nuova normativa, in legno e in cartone.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura: Il prodotto dopo la lavorazione, in genere viene immesso immediatamente al consumo. In caso contrario viene stoccato in locali freschi e aerati.

 

Elementi che comprovino che le metodologie siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni: Nel 1855, Vito D’Amico, nel “Dizionario topografico della Sicilia” attesta che nel territorio di Roccapalumba erano coltivati a ficodindia una estensione di terreno pari a 11,434 “salme”, corrispondenti circa a 22.44.00 Ha. La “scozzolatura”, secondo Pitrè, fu sperimentata nel 1819 a Calamina dall’agrimensore Francesco Fazio, il cui figlio si trasferì a Roccapalumba, dove si presume, abbia introdotto tale tecnica. Negli anni 50 i ficodindia di Regalgioffoli, borgata di Roccapalumba, erano così tanti e rinomati per il loro particolare gusto, che molti grossisti di Palermo compravano il frutto sulla pianta.

Scopri altri aspetti della Banca Dati Patrimonio Enogastronomico siciliano 

Può interessarti una visione più ampia: Ricette e Sapori del Mediterraneo 

Se vuoi invece conoscere tutte le banche dati del Patrimonio Culturale siciliano: Data Maps Heritage

Ficodindia della Valle del Torto, “Ficudinia”.jpg 3 years ago
  • You must to post comments
Showing 1 result
Showing 1 - 20 of 390 results
Share