Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Vallone Laccaretta e Urio Quattrocchi

Tipologia sito:  ZSC – Zona Speciale di Conservazione

Codice: ITA030017 – Ettari: 3569

Descrizione: 

 L’area del SIC è quasi del tutto inclusa nel Parco dei Nebrodi; essa si estende complessivamente per circa circa 3.543 ettari, interessando i territori comunali di Mistretta e Caronia (prov. Messina). Il sito comprende la dorsale tra M. Trefinaidi (m 1166), Monte Madonna della Neve (m 1162) e Cozzo Salomone (m 1093), si inoltra nel bacino del Torrente S. Stefano, del Vallone la Carretta e del Vallone Medda; include anche il Cozzo Pelato (m 1274), spingendosi lungo i versanti settentrionali di M. Castelli, Portella Cirino e Portella Cerasa, fino a circa 1460 metri di quota. Nell’area sono presenti gli interessanti ambienti umidi dell’Urio Quattrocchi e del Laghetto Zilio (BRULLO et al., 1994; GIANGUZZI, 1999); il primo dei due si localizza nel versante nord di Monte Castelli, a 1030 metri di quota, il secondo è ubicato leggermente a nord della vetta di Monte Madonna della Neve, a 1060 m s.l.m.. Dal punto di vista geologico, l’area è prevalentemente ascritta all’Unità di Maragone del Complesso Panormide (LENTINI et al., 2000); si tratta prevalentemente di aspetti del Flysch Numidico, caratterizzati da un’alternanza di argilliti silicee, argille siltose grigio-brune scagliettate e di quarzareniti o quarzosiltiti grige a cemento siliceo talora in grossi banchi. Dal punto di vista bioclimatico, il territorio rientra tra le fasce del mesomediterraneo (temperatura media annua fra 16-13 °C) e quella del supramediterraneo (temperatura media annua inferiore = 13 °C), con ombrotipo variabile fra il subumido (piovosità media annua di 600-1000 mm) e l’umido (piovosità media annua = 1000 mm), man mano che si sale di quota. Il paesaggio vegetale è fisionomizzato in prevalenza da ampie estensioni boschive, frammiste a boscaglie, arbusteti e superfici pascolive. La parte bassa del territorio risulta preminentemente caratterizzata dalle serie del Cerro (Arrhenathero nebrodensis-Querco cerridis sigmetum), alla quale – oltre i 1380-1400 metri – si sostituisce poi quella del Faggio (Aquifolio-Fago sylvaticae sigmetum). Tuttavia le stesse serie sono in buona parte rappresentate da aspetti secondari, quale risultato dell’utilizzazione tradizionale del territorio attraverso l’attività cerealicolo-zootecnica.

Comprensorio di elevato interesse forestale, nonché floristico-fitocenotico e faunistico, nel cui ambito sono presenti gli ambienti umidi dell’Urio Quattrocchi e del laghetto Zilio, segnalati come vere emergenze Back to top naturalistico-ambientali. Sono presenti diverse entità floristiche rare o ritenute di notevole interesse fitogeografico (vedi sezione 3.3D). La notevole eterogeneità ambientale consente la presenza di una erpetofauna di notevole pregio, con numerose specie rare e meritevoli di tutela. La fauna invertebrata riveste un notevole interesse annoverando specie endemiche, molte delle quali limitate alla sola area nebrodense

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Ricade nel Parco dei Nebrodi

Dati ministeriali: Mappa Ministeriale    Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente)
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share