Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Rocche di Alcara Li Fusi

Tipologia sito:  ZSC – Zona Speciale di Conservazione

Codice: ITA030013 – Ettari: 2183

Descrizione: 

Il sito in oggetto risulta caratterizzato da affioramenti carbonatici mesozoici che formano spettacolari pareti rocciose sormontate da creste impervie, che conferiscono a questa parte del territorio nebrodense una notevole peculiarità paesaggistica. Le cime più alte sono comprese tra 1110 e 1300 m. Questo massiccio calcareo poggia su un basamento siliceo rappresentato da flysh e scisti. Il clima dell’area è compreso tra il mesomediterraneo e supramediterraneo con un ombroclima subumido. Gli aspetti vegetazionali più rilevanti sono rappresentati dagli habitat rupestri o semirupestri colonizzati da comunità casmofile ricche in endemismi che prediligono le pareti più o meno verticali. Sulle creste e sui versanti rocciosi si rinviene una macchia ad Euphorbia dendroides. Gli aspetti forestali sono rappresentati da boschi misti a Quercus ilex e Ostrya carpinifolia, che alle quote più basse vengono sostituiti da formazioni termofile a Quercus virgiliana. Sui substrati silicei si rinvengono lembi di boschi a Quercus suber o a Quercus gussonei. Gli aspetti di degradazione più diffusi sono le praterie ad Ampelodesmos mauritanicus, limitatamente ai substrati calcari, e i cespuglietti spinosi diffusi soprattutto sui substrati silicei. Gli estesi brecciai sottostanti alle pareti rocciose sono colonizzati da aspetti pionieri glareicoli a piccoli cespugli.

Questa area è interessata da affioramenti carbonatici mesozoici che ospitano comunità vegetali molto peculiari e normalmente assenti nel resto della catena dei Nebrodi. Infatti si tratta perlopiù di aspetti vegetazionali legati ad ambienti calcarei rappresentati da associazioni casmofile, glareicole e semirupestri. Sono presenti comunque anche aspetti silicicoli diffusi nel resto del territorio nebrodense. Per queste sue peculiarità le Rocche del Crasto sono da considerare come uno dei più singolari e spettacolari paesaggi nebrodensi, anche in relazione alla loro unicità.Qui si trovano anche diverse entità che nell’area regionale sono rare o ritenute di rilevante interesse fitogeografico, a loro volta menzionate nell’elenco riportato nella sezione 3.3 (D).Le rupi ed i roccioni rappresentano siti di nidificazione reale o potenziale per numerose specie di Rapaci, mentre le cavità ospitano una fauna invertebrata di notevole significato scientifico e biogeografico

 

Fonte: Ministero dell’Ambiente Formulario Natura 2000

Ricade nel Parco dei Nebrodi

Dati ministeriali: Mappa Ministeriale    Formulario Natura 2000

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente)
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share