Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Ricamo e sfilato

Lo sfilato siciliano risale alla fine del 14° secolo ma si affermò in Sicilia nel ‘500 riscuotendo molto successo presso i Signori in Italia e nelle  Chiese dove veniva usato per gli ornamenti sacri.  Col passare degli anni lo Sfilato entra  a far parte del più pregiato corredo impreziosendo i capi e la biancheria delle fanciulle siciliane che venivano in seguito tramandati di generazione in generazione. Viene eseguito su tessuti molto pregiati come il puro lino e a trama regolare e con fili molto pregiati. E’ possibile lavorare a mano o sul telaio. La tecnica dello sfilato consiste nello sfilare tre o quattro fili della tela, sia dall’ordito che dalla trama e di ricoprire a cordoncino i fili rimasti in modo da formare un reticolato che fa da cornice ad un disegno. Le diverse fasi di lavorazioni vengono svolte a seconda delle abilità che le donne hanno per cui il lavoro passerà prima sotto le mani della disegnatrice poi della sfilatrice, della ricamatrice e in fine della stiratrice.

Scheda: Heritage Sicilia

Visita la Banca Dati del Patrimonio Culturale Immateriale siciliano  per conoscere altri beni immateriali

Visita Data Maps Heritage: Insieme delle Banche dati del Patrimonio Culturale siciliano   per conoscere altre banche dati (natura, barocco, archeologia, beni materiali e molto altro ancora)

Condividi/Share
Share
Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente)
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share