Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Palazzo del Toscano – Catania

Palazzo del Toscano - Catania

Palazzo del Toscano, a Catania sorge in piazza Stesicoro all’angolo con Via Etnea. Fu edificato intorno al 1870 quale residenza cittadina dei Paternò Marchesi del Toscano su progetto dell’architetto milanese Errico Alvino. Il Palazzo fu inizialmente costruito, ai primi del Settecento, su progetto dell’insigne architetto Gian Battista Vaccarini, ma la sua edificazione si fermò al primo piano soprastante gli ampi locali di servizio sulla strada, scanditi dagli archi in pietra bianca e nera tipici di altri monumenti del barocco catanese. Abitato dalla Famiglia Tedeschi Bonadies baroni di Villermosa, nel 1858 fu destinato dall’ultimo discendente della casata al nipote Antonino Paternò 1° Marchese del Toscano, che di lì a poco sarebbe divenuto primo sindaco di Catania, malgrado le precedenti affermazioni di fede borbonica. Il Marchese del Toscano, a sostegno dell’ascesa del casato nell’Italia Unita, decise di continuare la costruzione del palazzo, rimaneggiandone però l’architettura complessiva. Dopo un primo incarico al torinese Poletti, più rispettoso del primitivo impianto del Vaccarini, il marchese si affidò all’architetto milanese (ma attivo a Napoli) Enrico Alvino che realizzò un’architettura neorinascimentale compatta e severa, ma chiaramente influenzata dall’eclettismo artistico dell’Ottocento e, insieme, dal gusto per gli ambienti “a tema” proprio dei palazzi napoletani. Il progetto di Alvino, fu ben presto d’ispirazione per altri palazzi della città come il vicino Palazzo Beneventano della Corte. I decori e l’arredamento della Sale di Rappresentanza, nonché i rivestimenti marmorei e gli affreschi del grandioso scalone d’onore, furono cura dell’erede primogenito Giovanbattista Paternò, 2° Marchese del Toscano sposato a una Caracciolo di Napoli e anch’egli sindaco di Catania in periodi alterni, tra cui quello coincidente con il completamento e l’inaugurazione del Teatro Massimo Bellini. Per i decori furono chiamati i migliori artisti disponibili in quel momento sulla piazza catanese, da Alessandro Abate a Giuseppe Sciuti. Inserito nell’elenco dei beni architettonici vincolati (DA 5209 09/02/93)

scarica decreto:

D.A. n. 5209 del 09.02.1993

 

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: Ignazio Caloggero

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Web 

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente)
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share