Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
Cozzo Portello 1
Cozzo Portello 2
Cozzo Portello 3

Monte Gallo – Grotte di Cozzo Portello

Cozzo Portello (m 160) è la cuspide meridionale del Monte Gallo; ha forma triangolare con il lato orientale che discende con isoipse regolari dal Pizzo Impisu (m 353) fino alla contrada Colonne. Nel lato meridionale, ai
pedi di una falesia scarsamente elevata, si aprono alcune nicchie ed una grotta scavate da un antico mare. Riporto gli appunti che risalgono ad un sopralluogo del 1960: “degna di nota è solo la grotta delle pecore, chiusa da un muro e da una porta, che trovo ben chiusa ma lascia trapelare uno sviluppo di oltre 5 metri e la presenza di agnelli. Nulla d’interesse archeologico”.

In una relazione di E. Borzatti, dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria di Firenze, che data ottobre 1968 si trovano brevi annotazioni che riguardano due “grotticelle” ed un piccolo “riparo” privi di sedimento, ed “una grotta adibita a stalla. Il fondo è chiuso da un muretto a cemento il che fa pensare che la grotta continui. Anche il pavimento appare coperto da cemento sotto il quale potrebbe esserci del sedimento intatto”.

Valutazione un po’ diverse sono fatte da Lo Cascio e Mercadante che riportano tre cavità: la grotta di Cozzo Portello I, II e III. La più grande ed interessante è la Portello I, “ancora oggi utilizzata a ricovero di animali, ha subito gravi rimaneggiamenti in tutte le sue parti, perché ingrandita in più parti e con la parte basamentale spianata, per renderla abitabile. Rimane ben poco del suo originale talus ma sufficiente per comprendere una sua utilizzazione sin dal Paleolitico superiore, grazie alla presenza di selci e di ceramica acroma…”. Gli Autori danno anche uno stralcio della tavoletta dove le cavità sono indicate con i numeri 21,22,23, riportano le coordinate geografiche che però differiscono da quelle da me determinate, lo sviluppo della grotta manca. Delle due cavità minori, invece, riferiscono soltanto, “Il talus contiene frammenti ceramici, resti di pasto e strumenti litici di età paleolitica soprattutto bulini e raschiatoi”. (Fonte testo: Giovanni Mannino: Le Grotte di Monte Gallo: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 15/2016)

Documenti di approfondimento: 

Giovanni Mannino: Le Grotte di Monte Gallo: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 15/2016

scarica il documento: G_Mannino_Le_Grotte_di_Monte_Gallo_Notiz

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: Giovanni Mannino: Le Grotte di Monte Gallo: in Notiziario Archeologico Soprintendenza di Palermo 15/2016

Contributi informativi: Ignazio Caloggero Web

COMUNICATO: Bene catalogato ma parzialmente geolocalizzato. Vi invitiamo a fornire il vostro contributo fornendoci informazioni utili  che ci permettano di geolocalizzare il bene catalogato. Si veda anche “Patrimonio Culturale da Geolocalizzare

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

 

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message