Condividi/Share
Share
Informazioni Dettagliate
Condividi/Share
Share

Luoghi del Mito di Tifeo – Tifone

Luoghi indicati nel registro LIM della Regione Sicilia (Luoghi dell’Identità e della Memoria)  – Settore “Luoghi degli dei e divinità minori”

  • Vulcano Etna
  • Capo Passero (Pachino, prov. Siracusa)
  • Capo Peloro (Messina)
  • Capo Lillibeo (Marsala, prov. Trapani)

Il Mito di Tifeo (Tifone) è simile a quello di Encelado.

Nella mitologia greca Tifone (Tifeo) è figlio di Gea (Madre terra) e Tartaro (personificazione degli inferi). Tifeo era la personificazione del vento del sud ed era il padre di tutti i venti più cruenti. Secondo il poeta Eschilo, Tifone fu confinato nell’Etna e fu motivo di eruzioni. Anche Esiodo, nella Teogonia, colloca il titano sotto il monte Etna. Tifeo era un gicante, come lo era Encelado, uno dei Giganti che partecipò alla cosiddetta Gigantomachia. In una delle tante lotte contro Zeus.

Era stato concepito dalla madre Gea con l’intento di detronizzare Zeus nei confronti del quale era arrabbiata perchè aveva imprigionato i Titani. Infatti Tifone salì sul  Monte Olimpo e tutti gli dei alla sua vista, fuggirono trasformandosi in animali. Solo Zeus rimase e lo affrontò ma fu da questo sconfitto e imprigionato in una grotta in Cilicia dopo avergli tagliato i tendini dei polsi e delle caviglie. Ermes e Pan  ritrovano i suoi tendini, lo liberano e lo guariscono. Zeus riprese quindi la lotta contro Tifone e questa volta riuscì a vincere scagliandogli addosso la Sicilia. La tradizione popolare vuole che Tifone sostenga la Sicilia infatti il suo corpo  è posizionato con la testa verso est, i piedi verso ovest e le due braccia tese perpendicolarmente al corpo lungo l’asse nord-sud: Tifone sorregge Messina con la mano destra, Pachino con la sinistra, Trapani gli sta poggiata sui piedi e il cono dell’Etna sta proprio sulla sua bocca, rivolta verso l’alto. Ogni volta che si infuria, Tifeo fa vomitare fuoco e lava dall’Etna e ad ogni suo tentativo di liberarsi dalla prigionia, la terra trema scatenando i terremoti.

I Giganti, illustrazione Gustave Dorè, Divina commedia, Inferno, canto XXXI

Premio Heritage Sicilia 2013 – da una idea di Ignazio Caloggero:

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Regione Sicilia

Nota esclusione responsabilità

Condividi/Share
Share
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Condividi/Share
Share
Share