Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
Agrigento

I Luoghi del racconto filmico: Il Giudice ragazzino (1994): Agrigento

 

 

I Luoghi del racconto filmico “Il Giudice ragazzino sono inseriti nella “Carta regionale dei Luoghi dell’Identità e della Memoria” (LIM) istituita dalla Regione Sicilia con il  D.A n. 8410 del 03/12/2009

Il settore di riferimento è quello relativo ai “luoghi del racconto letterario, televisivo e filmico” . –  Luoghi della mafia nelle trasposizioni cinematografiche del testo letterario – Il giudice ragazzino, 1994, ( da “ Il giudice ragazzino ” di Nando dalla Chiesa ) regia di Alessandro di Robilant

Luoghi interessati:

Il giudice ragazzino”, 1994, (da “Il giudice ragazzino” di Nando Dalla Chiesa) regia di Alessandro Di Robilant:

  • Superstrada Canicattì/Agrigento;
  • Canicattì (prov. Agrigento);
  • Agrigento

Il giudice ragazzino è un film del 1994 diretto da Alessandro Di Robilant.

La pellicola è incentrata sulla vita del giudice siciliano Rosario Livatino, soprannominato dall’allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga Giudice ragazzino per la sua giovane età, dall’ingresso in magistratura al suo impegno nella lotta alla mafia, fino all’assassinio avvenuto il 21 settembre 1990.

 

Siciliaanni ottanta, il sostituto procuratore Rosario Livatino è incaricato di svolgere le indagini sulla mafia nella zona CanicattìAgrigento; egli ritiene infatti che in quella zona, meno soggetta al massiccio controllo delle forze dell’ordine rispetto a Palermo, si stia spostando l’asse del traffico di stupefacenti, precedentemente incentrato sul capoluogo. Le indagini portano inoltre a scoprire che, dopo la morte di Salvatore Cangemi, capo-mandamento della zona, è in corso una guerra per l’acquisizione del potere tra due boss locali: Antonino Forte e Giuseppe Migliore.

Quest’ultimo abita sopra l’appartamento dove il dott. Livatino vive insieme ai genitori e il giudice, per salvaguardare la sua integrità agli occhi dei compaesani, ogni mattina aspetta che il boss si rechi al lavoro prima di uscire, onde evitare di essere visto in sua compagnia; medesimo atteggiamento che mantiene, sia nei suoi confronti sia nei confronti di Forte, in tutte le occasioni in cui possano verificarsi degli incontri anche casuali.

Le indagini avanzano lentamente tra burocrazie processuali, “talpe” all’interno della Procura e pavidi colleghi, oltre all’inevitabile omertà che circonda qualunque indagine legata alla mafia ed al mondo ad essa correlato, ossia politica ed imprenditoria, ed il sostituto procuratore trova poche persone disposte seriamente ad aiutarlo: due di queste, il maresciallo Guazzelli e l’anziano giudice Saetta, verranno assassinate.

Il giudice Livatino non si arrende nemmeno quando la Corte di cassazione annulla gli ordini di cattura nei confronti degli imprenditori che faticosamente aveva incriminato e, pur facendo firmare il mandato ad un collega, ordina l’arresto del boss suo vicino di casa che però, forse avvertito, sfugge alla cattura e si dà alla latitanza. Nel frattempo egli intreccia una tenera relazione con la collega avvocato Guarnera: una collaboratrice di studio dell’avvocato Cascio, un penalista molto conosciuto che è solito rappresentare gli inquisiti per reati inerenti alla mafia.

La relazione tra i due non è semplice, sia dal punto di vista professionale che da quello familiare in quanto, nell’incontro che Angela ha con i genitori di Rosario, traspare una malcelata contrarietà da parte della madre che vede nella giovane professionista, in ossequio ad una mentalità “tradizionale”, una donna troppo “emancipata” per suo figlio.

Dopo circa un anno Giuseppe Migliore riappare dalla latitanza e si consegna nelle mani del giudice (e sarà proprio Angela ad assisterlo durante l’interrogatorio, in sostituzione dell’avvocato Cascio, nel frattempo agli arresti per favoreggiamento); purtroppo i mandati di cattura per lui e per Forte non partono insieme, ingenerando quindi nella “famiglia” di Migliore il sospetto che Forte, in quel momento perdente, possa collaborare con la giustizia e questo accresce nel dott. Livatino la paura che essa possa reagire, cosa che avviene la mattina del 21 settembre 1990 quando il giudice, sulla strada Canicattì-Agrigento, verrà assassinato.

Prima dei titoli di coda la voce fuori campo di Giulio Scarpati recita uno stralcio della visione del dott. Livatino sul “giudice nella società”, esposta nella sua relazione.

«Il giudice deve offrire di sé stesso l’immagine di una persona seria, equilibrata, responsabile; l’immagine di un uomo capace di condannare ma anche di capire; solo così egli potrà essere accettato dalla società: questo e solo questo è il giudice di ogni tempo. Se egli rimarrà sempre libero ed indipendente si mostrerà degno della sua funzione, se si manterrà integro ed imparziale non tradirà mai il suo mandato.»

 

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: web

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, Web 

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Share