Chiesa di San Francesco d’Assisi

 

In Via Giuseppe Barlotta (alla fine di via S. Francesco d’Assisi).  La chiesa di San Francesco d’Assisi è stata edificata dal conte Ruggero in stile gotico-normanno. Dedicata originariamente a San Biagio, cambiò denominazione nel 1216, quando il Beato Angelo da Rieti la ottenne da Re Federico II per edificarvi un convento francescano. Sull’attuale prospetto laterale le arcate a sesto acuto con ghiera potrebbero risalire ad un periodo che va dal 1065-1130 a tutto il XIII secolo. Nel 1680 viene data una nuova veste alla chiesa, trasformata in stile barocco secondo il gusto del tempo. Sulla base di una valutazione stilistica ed in mancanza di una datazione documentata, il prospetto sulla piazza ed il campanile dovrebbero appartenere alla fine del XVIII secolo.
Il prospetto principale è caratterizzato dal portale in marmo, costituito da due colonne alzate su piedistalli parallelepipedi, raccordate in alto da un frontone spezzato sovrastato da una nicchia che accoglie la statua della Madonna. Al di sopra di questa si intravede la traccia di un rosone preesistente.
Il campanile, interamente in pietra da intaglio, al di sopra del piano delle campane è coronato da una cornice a balaustra, e concluso da una copertura piramidale, rivestita di mattonelle in ceramica.
L’interno della chiesa ad esclusione della parte absidale è un tutt’uno di decorazioni plastiche e pittoriche.  (Fonte: http://www.turismo.trapani.it)    

pera degli scultori Nicolò Carrera e Alberto Orlando, felice connubio fra scultura e architettura costituito da mascheroni, cariatidi, fogliami, conchiglie e volute.[2]

Il cappellone absidale è uno spazio scenograficamente organizzato, geniale gioco di volumi e accurato studio della luminosità ideati da Giovanni Biagio Amico, al quale si accede arco attraverso un arco trionfale che poggia su due grossi pilastri, all’interno balconcini laterali tra ricchi motivi decorativi che la ornano con numerosi rimandi simbolici alla purezza della Madonna e alla sua “Immacolata Concezione“.

  • Statue raffiguranti i Dottori della Chiesa: Sant’Agostino d’Ippona, Sant’Ambrogio, San Girolamo, San Bonaventura da Bagnoregio.[2]
  • Altare maggiore.
    • Immacolata Concezione, statua lignea.
    • Immacolata Concezione, statua argentea processionale.

(Fonte: http://www.turismo.trapani.it e, in parte wikipedia.org)    

Bene vincolato ai sensi della legge 364/1909  (Notifiche del 15.01 1924 e del 07.03.1924)

Foto: Ignazio Caloggero

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: esterni: Ignazio Caloggero, interni: web 

Contributi informativi: Ignazio Caloggero, Web, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments

    Share