Chiesa di S. Agostino

  

Dedicata dai Templari a S. Giovanni Battista. Nel 1313 Federico III d’Aragona la concesse ai padri Agostiniani che la ricostruirono, in stile gotico siciliano. La chiesa aveva abside poligonale e copertura a capriate di legno rivestite di tavolette dipinte (droleries) con figurazioni grottesche e allegoriche che derivano dal repertorio miniaturistico medievale, oggi in parte conservate al Museo Pepoli. I bombardamenti del 1943 distrussero l’abside ed una parte della navata, in seguito ricostruite. Prima della ristrutturazione dopo la seconda Guerra Mondiale, la chiesa aveva una porta nord e una porta sud; quest’ultima immetteva nel chiostro dell’ex convento degli Eremiti di Sant’Agostino. Dell’assetto originario resta il prospetto principale, con una facciata a capanna, un ampio rosone (stile chiaramontano del XIV secolo) e un’abside poligonale. Sul portale, dentro una nicchia, vi è una Madonna col Bambino del Gagini. 

Bene vincolato ai sensi della legge 364/1909  (Notifica del 25.11.1920)

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: Ignazio Caloggero

Contributi informativi: Ignazio Caloggero, Web, Regione Sicilia

Nota: Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire attraverso la nostra area “I Vostri Contributi

Nota esclusione responsabilità

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments

    Share