Cattedrale di S. Gerlando – Agrigento

Il Duomo si trova nella parte più alta occidentale della collina di Girgenti. fu più volte ricostruita tra i secoli XII e XI secolo. Venne costruita, originariamente dal Vescovo di Girgenti, Gerlando di Besançon, cugino del conte Ruggero il Normanno, nel 1094 pochi anni dopo la conquista normanna della città avvenuta nel 1087, ma già nel 1244 fu distrutta in parte a causa di un crollo dovuto ad una frana del costone occidentale.Consacrata originariamente alla Madonna Assunta titolo storico della Cattedrale agrigentina, venne dedicata a San Gerlando nel 1305, quando la chiesa fu ricostruita dal vescovo Bertoldo de Labro. Nel corso dei secoli la cattedrale ha subito nuovi danni a seguito di un terremoto del 1693 e della frana del 1745. Nell’insieme, quindi, la Cattedrale presenta diverse sovrapposizioni di stile, mantenendo la sua imponente mole costituita dalla grande torre campanaria accanto alla facciata della Chiesa. La Torre Campanaria fu costruita dal Canonico Giovanni Montaperto nel 1470. La cattedrale conserva moltissime opere tra le quali: tela del Martirio di Sant’Erasmo, tela della Madonna del Rosario e anime Purganti, Urna di San Felice Martire, tela dell’Immacolata, Scultura del Compianto, Cappella di San Gerlando con statua del Santo e monumento sepolcrale del Vescovo Francesco Traina, Cappella con Urna argentea contenente i resti di San Gerlando, cappella di San Bartolomeo, cappella della Madonna con statua della Madonna col bambino e tbernacolo e tela della Nascita della Vergine, affresco del Paradiso, cappella dedicata al Santissimo Crocifisso, cappella De Marinis con due Sarcofaghi e scultura della madonna col Bambino, Cappella del rendentore, Monumento funereo del vescovo Lucchesi Palli, Monumento funebre del vescovo Francesco Gisulfo, Monumento funereo del vescovo Lanza, dipinto della madonna col bambino, Monumento funereo del vescovo Colonna Branciforti, Monumento funebre di Lo jacono, Monumento funebre di La Pegna, dipinto di San Pietro che ordina San Libertino, Monumento finebre del Vescovo Gioeni, Soffitti Lignei.

Inserimento scheda: Heritage Sicilia
Nota : Il popolamento delle schede della Banca dati Heritage, procede per fasi incrementali: catalogazione, georeferenziazione, inserimento informazioni e immagini. Il bene culturale in oggetto è stato catalogato, georeferenziato ed inserite le prime informazioni. Al fine di arricchirne i contenuti informativi sono graditi ulteriori contributi, se lo desiderate potete contribuire fornendo informazioni e/o immagini anche attraverso il gruppo facebook “Heritage Sicilia

Scopri altro su Banca dati del Patrimono Materiale di Sicilia

Conosci le banche dati del Patrimonio Culturale siciliano: Data Maps Heritage

Facebook Comments

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Facebook Comments